INDICAZIONI PER IL CORRETTO USO dell'OSSIGENO TERAPEUTICO LIQUIDO.
DISPOSITIVO MEDICO: Sistemi per ossigeno liquido formati da UNITA’ BASE (UB) ed UNITA’ PORTATILE (UP), per la ossigenoterapia domiciliare:


Ministero della Salute - Dipartimento dell’Innovazione
Direzione Generale Farmaci e Dispositivi Medici
Via della Civiltà Romana, 7 – 00144 Roma
N DGFDM.V/P/ 6461/383-825/I.1.c.r.2.

Roma, 16 febbraio 2006

TIPO DI DISPOSITIVO MEDICO: L’Unità Base (UB) è l’apparecchio più grande, adibito all’uso stazionario e dal quale si può effettuare l’ossigenoterapia direttamente.
L’Unità Portatile (UP) è una fonte portatile di ossigeno, che deve essere riempita direttamente dalla UB.
Questi dispositivi medici sono riutilizzabili previa carica della UB da parte di un fornitore di ossigeno liquido e della UP direttamente dalla UB, presso il domicilio del paziente.

MOTIVO DELLA COMUNICAZIONE
La scrivente Direzione Generale intende fornire alcune indicazioni per il corretto uso dei dispositivi medici in questione, per la massima sicurezza dei pazienti pur essendo l’ossigenoterapia subordinata ad una prescrizione medica.
L’ossigenoterapia domiciliare è infatti somministrata direttamente dai familiari del paziente e comunque da personale non sanitario, anche se adeguatamente istruito dalle società fornitrici di ossigeno liquido per la ricarica della Unità Base (UB).
L’eventuale contatto con l’ossigeno liquido contenuto sia nella UB che nella UP, può provocare gravi congelamenti, essendo la sua temperatura di circa – 150°C.
Inoltre l’ossigeno, pur non essendo combustile, provoca la combustione accelerata di altre sostanze, a causa delle sue caratteristiche chimico-fisiche.
Il corretto utilizzo da parte di coloro che somministrano l’ ossigenoterapia domiciliare e che eseguono le operazioni di ricarica della UP dalla UB, sono di cruciale importanza. A tale proposito si fa presente, per informazione, che in passato si è verificato in Italia un evento con esito letale.

INDICAZIONI DA SEGUIRE PER IL CORRETTO USO DEI SISTEMI PER OSSIGENO LIQUIDO FORMATI DA UNITA’ BASE (UB) ED UNITA’ PORTATILE (UP), PER LA OSSIGENOTERAPIA DOMICILIARE.
- Seguire scrupolosamente le istruzioni del fornitore di ossigeno liquido;
- Non fumare mentre si usa uno dei due dispositivi;
- Non usare e non riporre la UB e la UP a meno di un metro e mezzo da apparecchi elettrici;
- Non usare e non riporre la UB e la UP in luoghi dove sono presenti sostanze combustibili come olii, lubrificanti, spray contenenti propellenti, lozioni o solventi;
- Tenere la UB e la UP in luogo ben ventilato;
- Qualora si verificasse un rovesciamento, rimettere l’apparecchio, immediatamente ma con cautela, in posizione verticale e contattare il fornitore;
- In caso si verificasse perdita di ossigeno, allontanarsi e chiamare il fornitore;
- Non toccare le parti ghiacciate dei dispositivi;
- Utilizzare la UP solo quando si decide di spostarsi al di fuori della propria abitazione e, terminato il suo utilizzo, riporla in posizione verticale, su una superficie piana e pulita e MAI agganciata alla UB;
- Agganciare la UP alla UB solo per effettuare le operazioni di riempimento della UP;
- Spegnere sempre la UB e la UP quando non sono in uso;
- Non utilizzare MAI la Unità Portatile (UP) per la ossigenoterapia se questa è collegata alla Unità Base (UB);
- Non effettuare MAI operazioni di ricarica della UP dalla UB durante l’ossigenoterapia;
- Attenersi scrupolosamente alle istruzioni per l’uso fornite dai fabbricanti dei dispositivi e riportate nei manuali delle istruzioni per l’uso.

RACCOMANDAZIONI DELLA DIREZIONE GENERALE FARMACI E DISPOSITIVI MEDICI
Si invitano i destinatari della presente a divulgare con le modalità ritenute più opportune e in modo capillare le INDICAZIONI DA SEGUIRE PER IL CORRETTO USO DEI SISTEMI PER OSSIGENO LIQUIDO FORMATI DA UNITA’ BASE (UB) ED UNITA’ PORTATILE (UP), PER LA OSSIGENOTERAPIA DOMICILIARE.

NOTE CONCLUSIVE
Gli Assessorati e gli altri soggetti in indirizzo (tra gli altri FOFI, Federazione degli Ordini dei Farmacisti, e SIFO, Società italiana di farmacia ospedaliera) sono invitati, per quanto di rispettiva competenza, ad assicurare la massima collaborazione nel raggiungimento delle finalità perseguite dalla presente comunicazione.

IL DIRETTORE GENERALE
Dr. Claudio De Giuli

STAMPA PROMEMORIA PER GLI UTENTI DELLA FARMACIA

farfog