REGIONE LAZIO

DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE ECONOMICA E SOCIALE
POLITICA DEL FARMACO

        Rinnovato l'Accordo per la Distribuzione per Conto della Regione Lazio con i farmacisti, con decorrenza operativa dal 2 maggio 2011 e con termine del periodo di smaltimento delle scorte dei nuovi inserimenti il 30 giugno 2011.
        A fronte di un maggiore impegno richiesto alle farmacie, che verrà messo in atto immediatamente, la Regione a sua volta si dovrebbe impegnare per raggiungere obiettivi di utilità comune che andrebbero a vantaggio, oltre che dei farmacisti stessi, anche delle finanze pubbliche e dei cittadini.
farfog
Tutta la documentazione:
Aggiornamenti:
Provvedimento annullato: Eparine, tutte in DP dal 5 marzo 2013 

Prospetto sintetico operativo 
dell'autore aggiornato a marzo 2013
           I medicinali nuovi in DPC (maggio 2011)

Si evidenziano le principali novità dell'accordo a cui occorre prestare attenzione:
  • La prescrizione di antipsicotici atipici con procedura urgente puo' essere spedita solo con 1 pezzo.
  • La prescrizione di eritropoietina e analoghi può essere spedita solo allegando la copia del piano terapeutico vidimata in originale dall'ufficio farmaceutico della Asl (nel periodo di smaltimento scorte la Asl dispensa direttamente il farmaco senza rilasciare copia vidimata del PT).
  • Il medicinale Arixtra, a base di fondaparinum sodico (ATC B01AX05 "altri antitrombotici" diversi dagli eparinici), non gode della modalità di distribuzione in "Duplice Via", pertanto deve essere dispribuito in DP anche se il medico non indica la sigla DP nelle caselle "tipo ricetta".  
Per quanto non specificato nel nuovo accordo, rimangono valide le indicazioni operative in vigore in precedenza, di cui si riportano qui di seguito le più recenti:

LA PRESIDENTE
IN QUALITÀ’ DI COMMISSARIO AD ACTA
(Delibera del Consiglio dei Ministri del 23 aprile 2010)
DECRETO n. U0017 del 23 marzo 2011
proposta 5561 del 22/03/2011

OGGETTO:
Ratifica Nuovo Protocollo di intesa per la distribuzione tramite le farmacie convenzionate di farmaci di cui al PHT -Prontuario della distribuzione diretta- (Determinazione AIFA del 29 ottobre 2004 e successive modifiche ed integrazioni), stipulato tra Regione Lazio, Federfarma Lazio e le Farmacie comunali.


IL  COMMISSARIO AD ACTA
VISTA la Legge costituzionale 18 ottobre 2001, n.3;
VISTO lo Statuto della Regione Lazio;
VISTA la Legge regionale 18 febbraio 2002, n.6 e successive modificazioni;
VISTO il Regolamento Regionale n. 1 del 6 settembre 2001 e s.m.i, con particolare riferimento all’art. 98;
VISTO il D.Lgs. 502/92 e successive modificazioni ed integrazioni recante “Riordino della disciplina in materia sanitaria” che disciplina il sistema di finanziamento a quota capitaria da assicurare alle Regioni per garantire livelli uniformi di assistenza e introduce il sistema di finanziamento e di remunerazione a prestazione dei soggetti pubblici e privati che erogano assistenza sanitaria nonché il principio della libertà di scelta, da parte dell’assistito, delle strutture eroganti;
VISTO il decreto legge 18 settembre 2001, n.347, convertito, con modificazioni, dalla legge 16 novembre 2001, n.405, recante interventi urgenti in materia di spesa sanitaria;
VISTO il PHT –Prontuario della Distribuzione Diretta per la presa in carico e la continuità assistenziale H (Ospedale) –T (Territorio) di cui all’allegato 2 della Determinazione del 29 ottobre 2004 dell’Agenzia Italiana del Farmaco e successive modifiche ed integrazioni;
VISTA la Deliberazione del 14 luglio 2006, n.425 concernente Ratifica dell’ “Accordo per la distribuzione tramite le farmacie convenzionate di farmaci di cui al PHT “Prontuario della distribuzione diretta” (Determinazione AIFA del 29 ottobre 2004, S. O. n. 162 alla G.U. n. 259 del 4 novembre 2004), stipulato tre Regione Lazio, Federfarma Lazio, Le Farmacie Comunali e Farmacap, in data 2 maggio 2006;
VISTA la Deliberazione del 14 luglio 2006, n.426 concernente “Ratifica degli accordi tra la Regione Lazio e le aziende farmaceutiche produttrici e licenziatarie per la definizione dei prezzi di alcuni farmaci del PHT, di cui alla Determinazione AIFA del 29 ottobre 2004”;
VISTA la Deliberazione del 24 ottobre 2006, n.691 di Integrazione e modifica della Deliberazione del 14 luglio 2006, n.426;
VISTO l’accordo sottoscritto il 28 febbraio 2007 dal Ministero della Salute, dal Ministero dell’Economia e dal Presidente della Regione Lazio per l’approvazione del Piano di rientro e di individuazione degli interventi per il perseguimento dell’equilibrio economico ai sensi dell’art. 1 comma 180 della L. 30 dicembre 2004 n. 311;
CONSIDERATO che gli interventi individuati dal Piano di rientro sopracitato sono per la Regione Lazio vincolanti ai sensi dell’articolo 1, comma 796, lettera b della legge 27 dicembre 2006 n. 296; 
VISTA la Deliberazione del 20 marzo 2007, n.197 concernente Integrazione e modifica della DGR del 27 febbraio 2007, n.124. – inerente il Piano di Rientro approvato dalla Giunta Regionale nella seduta del 12 febbraio 2007 ; prime misure applicative dell’Obiettivo specifico 2.3 “Politica del Farmaco” e della DGR del 14 luglio 2006, n.425.
VISTO il decreto del Presidente in qualità di Commissario ad acta n° U0002 del 14 gennaio 2009 che ratifica l’accordo 2009/2010 per la distribuzione tramite le farmacie convenzionate di farmaci di cui al PHT “Prontuario della distribuzione diretta” (Determinazione AIFA del 29 ottobre 2004
S.O. n.162 alla G.U. n. 259 del 4 novembre 2004), siglato il 23 dicembre 2008 tra la Regione Lazio, Federfarma, Farmacie Comunali, di seguito indicato come Accordo 2009/2010;
TENUTO CONTO che il Protocollo di intesa 2011/2013 per la distribuzione tramite le farmacie convenzionate di farmaci di cui al PHT “Prontuario della distribuzione diretta” (Determinazione AIFA del 29 ottobre 2004 S.O. n.162 alla G.U. n. 259 del 4 novembre 2004), siglato tra la Regione Lazio, Federfarma e Farmacie Comunali è finalizzato al proseguimento della distribuzione di farmaci del PHT con le modalità indicate nello stesso protocollo 2011/2013;
TENUTO CONTO che nel Protocollo di intesa 2011/2013 sono oggetto della distribuzione “in nome e per conto” da parte delle farmacie convenzionate tutti i farmaci PHT con un prezzo pubblico non inferiore a €25,00;
PRESO ATTO che con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 17 ottobre 2008 n. 3743 il dr. Mario Morlacco è stato nominato sub commissario per l’attuazione del Piano di Rientro della Regione Lazio;
PRESO ATTO che con Deliberazione del Consiglio dei Ministri del 23 aprile 2010, la Presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, è stata nominata Commissario ad acta per la prosecuzione del piano di rientro del disavanzo sanitario della Regione Lazio;
PRESO ATTO che con Delibera Consiglio dei Ministri del 03.03.2011 il dr. Giovanni Antonino Spata è stato nominato sub commissario per l’attuazione del Piano di Rientro della Regione Lazio;
PRESO ATTO che il Piano di Rientro aveva valenza triennale con scadenza il 31 dicembre 2009;
VISTA l’Intesa Stato Regioni del 3 dicembre 2009 concernente il Patto per la salute – per gli anni 2010 – 2012;
PRESO ATTO di quanto disposto nel Patto per la Salute  2010-2012, in particolare all’art. 13, comma 14 circa il prosieguo dei piani di rientro delle Regioni già commissariate, secondo programmi operativi;
VISTO il Decreto 113 del 31/12/2010 contenente i Programmi Operativi per l’anno 2011-2012 ;
PRESO ATTO che i Programmi Operativi nell’Intervento 11, “Razionalizzazione della spesa farmaceutica- Azione 11-5 Ampliamento DPC”, prevedono l’ampliamento della distribuzione in DPC delle molecole PHT 2004 e la rimodulazione della remunerazione ;
VISTA le note di Confservizi Lazio e Federfarma Lazio in cui si comunica l’approvazione da parte degli organi statutari
DATO ATTO che il presente atto, per la sua natura, non è soggetto alla procedura di concertazione con le parti sociali;

DECRETA
per i motivi di cui in premessa che formano parte integrante e sostanziale del presente provvedimento:
  1. di ratificare il Protocollo d’intesa 2011/2013 (allegato A al presente provvedimento che ne fa parte integrante) per la distribuzione tramite le farmacie convenzionate di farmaci di cui al PHT “Prontuario della distribuzione diretta” (Determinazione AIFA del 29 ottobre 2004 S.O. n.162 alla G.U. n. 259 del 4 novembre 2004), siglato tra la Regione Lazio, Federfarma e Farmacie Comunali finalizzato al proseguimento della distribuzione di farmaci del PHT, con le modalità definite nel Regolamento Attuativo e il Disciplinare Tecnico 
  2. di confermare l’Azienda USL RMA quale Azienda capofila tra Le Aziende USL del Lazio;
  3. di confermare le  due “Commissioni Miste” così come previste dal Decreto U0002/2009; 
  4. di dare mandato alla Direzione Regionale Programmazione e Risorse del SSR di predisporre il Regolamento Attuativo e il Disciplinare Tecnico relativo agli aspetti tecnico-organizzativo dell’Accordo entro il 31/03/2011; 
  5. di dare mandato alla Direzione Regionale Programmazione e Risorse del SSR di predisporre i procedimenti attuativi di quanto previsto nell’intesa;

Di pubblicare il presente decreto sul Bollettino Ufficiale della Regione Lazio, nonché di renderla  nota sul sito web della Regione Lazio all’indirizzo www.regione.lazio.it nel link dedicato alla sanità tra le “Ultime notizie”.
                                                                                                RENATA POLVERINI

Allegato n. 1 al Decreto n. U0017/2011
PROTOCOLLO DI INTESA
Tra
La Regione Lazio
Federfarma Lazio
Confservizi Lazio

PREMESSO
che la Regione, pur riconoscendo i positivi risultati in termini di risparmio, oltre che di immediata disponibilità dei dati, derivanti dall’applicazione dell’accordo recepito dal Decreto Commissariale n. 2 del 14.01.2009, ha manifestato alle rappresentanze delle farmacie firmatarie la necessità, di procedere in anticipo rispetto alla sua naturale scadenza, ad una revisione dei contenuti del medesimo in conseguenza della inderogabile necessità di contenere quanto più possibile la spesa sanitaria regionale;
che le farmacie, pur considerando il difficile momento congiunturale in cui si trovano ad operare, intendono coadiuvare, al fine di sostenere il rapporto di collaborazione con la Regione e di non recare disagio alla cittadinanza, l’operato della Regione stessa volto a monitorare quanto più possibile la spesa sanitaria ed in tal senso si dichiarano disponibili ad una eccezionale revisione anticipata dei contenuti dell’accordo recepito dal Decreto Commissariale n. 2 del 14.01.2009;
che tuttavia, le ulteriori richieste non possono essere facilmente sostenute dalle farmacie e la modifica di un accordo in corso di validità non può che ritenersi una pratica eccezionale nella definizione dei rapporti stabiliti con la Regione;
che la stessa Regione tenuto conto ditale disponibilità si impegna a considerare il risultato ottenuto quale elemento di futura stabilità per il settore, dando modo alle farmacie di poter operare per il periodo di validità degli accordi in modo appropriato alle esigenze delle proprie strutture, ricercando nel contempo, unitamente alle rappresentanze sindacali delle farmacie, spazi e momenti di collaborazione, anche diversi rispetto alla distribuzione del farmaco, che possano conciliare, da un lato l’esigenza della Regione di razionalizzare le modalità di fruizione per i cittadini della assistenza sanitaria, e dall’altro, la necessità delle farmacie di estendere e qualificare la propria funzione, anche nell’ottica dell’attuale normativa (D.Lvo. n. 153/2009);
che la Regione si impegna a definire un piano che garantisca tempestività dei pagamenti verso tutte le farmacie del Lazio nel rispetto di quanto previsto dalla Convenzione, attraverso un sistema centralizzato, condizioni, queste, fondamentali per il nuovo accordo, non essendo realizzabile alcun ulteriore sforzo da parte delle farmacie nel quadro dell’attuale situazione di ritardati pagamenti.
che la Regione Lazio si impegna a far sottoscrivere e rispettare il presente protocollo di intesa a tutti i Direttori Generali delle ASL della Regione. Tale accordo dovrà essere sottoposto ad approvazione da parte degli Organi Statutari di Federfarma Lazio e Confservizi Lazio entro 15 giorni dalla sottoscrizione.
TUTTO CIO’ PREMESSO
ai fini di cui sopra sono state congiuntamente individuate le seguenti aree di intervento e di ulteriore possibile collaborazione, che saranno disciplinate tecnicamente, ove necessario, da specifici documenti condivisi.

1. DEFINIZIONE DEL PIANO PAGAMENTI
• Introduzione DCR on-Line
• Centralizzazione dei pagamenti
• Progressivo riallineamento dei pagamenti ai termini convenzionali
il rispetto della modalità centralizzata e la regolarità dei pagamenti sono condizioni che concorrono alla stipula del presente protocollo di intesa e risultano essenziali per l’attuazione dello stesso.

Federfarma Lazio, al fine di accelerare le procedure di attivazione della trasmissione elettronica dei dati delle DCR (DCR on-line), mette a disposizione il proprio know how rivestendo il ruolo di nodo di congiunzione tra tutte le farmacie che trasmettono i dati e la Regione Lazio. che li riceve.
La funzione di Federfarma Lazio è quella di controllo del flusso dati e di garante nella regolarità della trasmissione, finalizzata a favorire l’avvio e la messa a regime del sistema di trasmissione dei dati.
La Regione si impegna entro il 31/03/2012 al riallineamento dei pagamenti ai termini convenzionali e comunque non oltre i 60 giorni. In caso di mancato rispetto di tale termine, in qualsiasi momento successivo al 31/03/2012, e comunque sino al termine del contratto, alle fasce di remunerazione dell’8,5%, del 6% e del 4% sarà applicata una maggiorazione dello 0,5%.

2. ACCORDO DPC
Resta confermato che la distribuzione diretta sarà quindi limitata alle forme di assistenza previste dall’articolo 8 comma 1, lettera c) limitatamente dal ricovero ospedaliero (ordinario e diurno) della legge 405/01 limitatamente al quantitativo necessario ad un primo ciclo di terapia, e non superiore ad una sola confezione di specialità medicinali, e comunque in quantità tale da garantire fino a 7 giorni di terapia.
Saranno salvaguardate le forniture agli Hospice, RSA, CAD, Istituti penitenziari.

Inoltre, fermo restando quanto stabilito dallo stesso Decreto Commissariale, allegato A, punto I lettera a), terzo periodo (smaltimento scorte) per quanto concerne tutte le nuove classi sotto riportate, verranno inserite le seguenti molecole:

Inserimento in DPC di tutte le molecole PHT 2004 ancora in convenzionata
A far data dal 01/04/2011 le farmacie distribuiranno in DPC le molecole PHT del 2004 ancora in convenzionata con un prezzo pubblico superiore a €25,00 per i nuovi inserimenti si rimanda all’accordo recepito dal Decreto commissariale U002 del 14/01/200 punto i lettera c.
I seguenti farmaci con prezzo al pubblico inferiore a € 25,00 già presenti in DPC rimangono inseriti con il tetto minimo di remunerazione previsto dall’accordo:
• Clozapina in tutti i dosaggi
• Leponex 25 mg
• Risperidone 1 mg e Risperdal 1 mg

Inserimento in DPC di molecole ATC BO3XA (Eritropoietine)
A far data 01/04/2011 le farmacie distribuiranno tramite DPC le molecole di cui all’ATC BO3XA, fermo restando il periodo di smaltimento scorte a favore delle ASL pari a 60 gg. Oltre tale termine la distribuzione sarà esclusiva per le farmacie fatta eccezione di quanto spettante ai centri dialisi e quanto previsto dalla legge 648/96.
A fronte ditale passaggio dalla modalità in distribuzione diretta alla DPC, le farmacie si impegnano ad attivare il progetto di monitoraggio piani terapeutici on-line, già sperimentato con il progetto web-care per i farmaci di cui sopra e per l’ormone somatotropo già presente nell’elenco DPC. Fino all’attivazione del piano terapeutico on-line, la prescrizione dovrà avere in allegato copia (fotocopia) dell’originale del piano terapeutico autorizzato dai servizi farmaceutici delle ASL in corso di validità.

Distribuzione farmaci EX- OSP 2
Le parti si impegnano a nominare una commissione che effettui un’analisi per l’introduzione in via sperimentale, entro 3 mesi, di alcune molecole ex- OSP 2 trasferite dall’AlFA in fascia A PHT con determina 02/11/2010 in DPC, tenendo conto del quadro interregionale.

Implementazione del Codice Fiscale in ambiente WEB DPC:
A partire dal completamento dell’inserimento delle nuove molecole in DPC le farmacie inseriranno i codici fiscali delle ricette spedite in DPC prelevati da tessera sanitaria.
Non è comunque fatto obbligo alle farmacie di inserire i codici fiscali dei cittadini sprovvisti di tessera sanitaria.

Rimodulazione delle fasce di remunerazione dei farmaci DPC
A partire dalla data di sottoscrizione del presente accordo la Regione si impegna a riconoscere alle farmacie un rimborso degli oneri complessivi di distribuzione (sia intermedia che finale) espresso come percentuale al netto di IVA del prezzo al pubblico al netto di IVA:

Farmaci con prezzo pubblico tra i € 25,0 e € 50,0 una remunerazione di € 6,0 a confezione
- 11,5% al netto dell’IVA per i farmaci con prezzo al pubblico superiore o uguale a € 50,01 e inferiore o uguale ad € 154,92
- 8,5% al netto dell’IVA per i farmaci con prezzo al pubblico superiore o uguale a € 154,93 e inferiore o uguale a € 300,00
- 6,0% al netto dell’IVA per i farmaci con prezzo al pubblico superiore o uguale a € 300,01 e inferiore o uguale a € 600,00
4% al netto dell’IVA per i farmaci con prezzo al pubblico superiore o uguale a € 600,01 e inferiore o uguale a € 1000,00
Farmaci con prezzo pubblico superiore a € 1000,01 una remunerazione di € 30,0 a confezione.

Per le farmacie rurali sussidiate con fatturato annuo con il SSR al netto dell’IVA inferiore a € 387.342,64 le fasce di remunerazione del servizio della distribuzione in nome e per conto, espresso come percentuale del prezzo al pubblico, al netto di IVA, comprensive delle quote di competenza della farmacie e del distributore intermedio sono:
- 16 % (/00 percento) al netto dell’IVA per i farmaci con prezzo al pubblico inferiore o uguale ad € 600,00;
- 5% per i medicinali con prezzo al pubblico superiore ad € 600,01.
- Per i farmaci con prezzo pubblico superiore a € 1000,01 la remunerazione sarà pari a € 30,0 a confezione.

Tali remunerazioni, alle quali non si applicano gli sconti previsti dalla legge 662/96 e successive modificazioni e/o integrazioni ivi compreso lo sconto previsto dalla legge n. 122 del 30.07.2010, sono comprensive anche della remunerazione che le farmacie dovranno riconoscere ai distributori intermedi.
Per tutte le altre modalità tecniche relative alla remunerazione, resta valido quanto indicato nel Decreto Commissariale n. U0002 del 14.01.2009, allegato A, punto 1 lettera d) ultimo capoverso.

3. DISTRIBUZIONE PRESIDI NOMENCLATORE
Alla luce dei positivi risultati ottenuti con il sistema di controllo WEB CARE nella distribuzione dei presidi per diabetici, la Regione congiuntamente alle rappresentanze sindacali delle farmacie entro il 30/06/2011 individuerà le modalità per l’erogazione da parte delle Farmacie convenzionate, previo uno studio di fattibilità, di presidi per l’incontinenza previsti dal nomenclatore tariffario e/o ad esso riconducibili nonché, con il supporto della centrale acquisti, individuerà ulteriori settori merceologici da inserire, per la distribuzione attraverso le farmacie.
Sarà altresì definita la spettanza alle farmacie valutando anche un eventuale tetto di spesa per singolo paziente.

4. VALUTAZIONE DELL’INSERIMENTO IN DPC DELL’OSSIGENO LIQUIDO
Alla luce dei positivi risultati in termini di contenimento di spesa e di tracciatura in tempo reale, sia del sistema WEB DPC che WEB CARE, la Regione Lazio si impegna a contattare -al termine delle gare regionali in atto e prima della promulgazione delle nuove gare relative alla distribuzione dell’ossigeno liquido- la rappresentanza delle Farmacie Private e delle Farmacie Pubbliche, per poter valutare una loro proposta economica per la distribuzione dell’ossigeno liquido integrata e coadiuvata dai già citati sistemi di tracciatura.

5. DISTRIBUZIONE VACCINI ANTINFLUENZALI
La Regione entro il 30/06/2011 definisce, previo studio di fattibilità, le modalità per la distribuzione dei vaccini antinfluenzali da parte delle farmacie, congiuntamente alle rappresentanze sindacali delle farmacie, alle competenti Direzioni Regionali e alle altre figure professionali coinvolte, a partire dalla campagna vaccinale 2011.

6. SERVIZI
Le parti si impegnano a definire in conformità alle previsione dei singoli decreti di cui all’articolo I del D.Lgs n. 153 del 2009, le modalità di erogazione, di remunerazione dei servizi da parte delle farmacie e dell’istituzione di una commissione paritetica.

Il presente protocollo ha una validità di anni due.

Roma li, 04/03/2011

firmato,
Le Parti
Il Sub Commissario ad acta Per l’attuazione del Piano di Rientro Dr. Mario Morlacco
Direttore Regionale Dipartimento Programmazione Economica e Sociale Dr. Guido Magrini
Direttore Regionale Vicario Programmazione e Risorse SSR Dr. Fabrizio Ferri
Il Presidente Federfarma Lazio Dr. Franco Caprino
Il Direttore di Confservizi Lazio Dr. Massimo Serafini


DETERMINAZIONE  N. B3524 del 4 maggio 2011
Proposta n. 9002 del 22/04/2011

OGGETTO:
Recepimento “Regolamento attuativo e disciplinare tecnico dell’accordo per la distribuzione tramite le farmacie convenzionate di farmaci di cui al PHT”- Prontuario della distribuzione diretta (Determinazione AIFA del 29 ottobre 2004 s.o. n. 162 alla G.U. n. 259 del 4 novembre 2004) recepito con Decreto Commissariale U0002 del 14.01.2009 e con Decreto Commissariale 00017 del 23.03.2011

IL DIRETTORE REGIONALE PROGRAMMAZIONE E RISORSE DEL SSR
SU PROPOSTA del Dirigente dell’Area Politica del Farmaco;
VISTO lo Statuto della Regione Lazio;
VISTA la legge regionale 18 febbraio 2002, n. 6 “Disciplina del sistema organizzativo della Giunta del Consiglio e disposizioni relative alla dirigenza ed al personale regionale” e successive modificazioni;
VISTO il Regolamento Regionale 6 settembre 2002, n. i “Regolamento di organizzazione degli uffici e dei servizi della Giunta”;
VISTO il decreto del Presidente in qualità di Commissario ad acta n° U0002 del 14 gennaio 2009 che ratifica l’accordo 2009/2010 per la distribuzione tramite le farmacie convenzionate di farmaci di cui al PHT “Prontuario della distribuzione diretta” (Determinazione AlFA del 29 ottobre 2004 S.O. n.162 alla G.U. n. 259 del 4 novembre 2004), siglato il 23 dicembre 2008 tra la Regione Lazio, Federfarma, Farmacie Comunali, di seguito indicato come Accordo 2009/2010;
VISTO il Decreto U0014 del 23 marzo 2011 “Recepimento Accordi fra Regione Lazio e industrie Farmaceutiche per l’acquisto dei farmaci di cui al PHT “Prontuario della distribuzione diretta” (Determinazione AlFA del 29 ottobre 2004 S.O. n.l62 alla G.U. n.259 del 4 novembre 2004);
VISTO il Decreto U0017 del 23 marzo 2013 “Ratifica Nuovo Protocollo di intesa per la distribuzione tramite le farmacie convenzionate di farmaci di cui al PFJT -Prontuario della distribuzione diretta- (Determinazione AIFA del 29 ottobre 2004 e successive modifiche ed integrazioni), stipulato tra Regione Lazio, Federfarrna Lazio e le Farmacie comunali”;
DETERMINA
Per le motivazioni espresse in premessa, che si intendono integralmente accolte,

- di ratificare l’allegato “Regolamento attuativo e disciplinare tecnico dell’accordo per la distribuzione tramite le farmacie convenzionate di farmaci di cui al PHT” — Prontuario della distribuzione diretta (Determinazione AIFA del 29 ottobre 2004 so, n. 162 alla G.U. n. 259 del 4 novembre 2004) recepito con Decreto Commissariale U0002 del 14.01,32009 e con Decreto Commissariale 00017 del 23.03.2011” parte integrante della presente determina.

IL DIRETTORE REGIONALE VICARIO
dr Fabrizio Ferri



REGOLAMENTO ATTUATIVO E DISCIPLINARE TECNICO
DELL’ ACCORDO PER LA DISTRIBUZIONE TRAMITE LE FARMACIE CONVENZIONATE DI FARMACI DI CUI AL PHT “PRONTUARIO DELLA DISTRIBUZIONE DIRETTA” (DETERMINAZIONE AIFA DEL 29 OTTOBRE 2004 S.O. n. 162 ALLA G.U. N. 259 DEL 4 NOVEMBRE 2004) RECEPITO CON DECRETO COMMISSARIALE U0002 DEL 14.01.32009 E CON DECRETO COMMISSARIALE 00017 DEL 23.03.2011
 
TRA 
 
LA REGIONE LAZIO  rappresentata dal Direttore Regionale Dipartimento Programmazione Economica e Sociale dott. Guido Magrini
ADF rappresentata dal dott. Walter FARRIS
FEDERFARMA SERVIZI  rappresentata dal Presidente dott. Paolo TAGLIAVINI.
FEDERFARMA LAZIO  rappresentata dal  dott. Franco Caprino
CONFSERVIZI LAZIO  rappresentata dal Direttore dott. Massimo Serafini
 
Premesso
 
che tra la Regione Lazio, la Federfarma Lazio e le Farmacie comunali  è stato sottoscritto un Protocollo di intesa per l’acquisto e la distribuzione di medicinali ai sensi dell’art. 8 della legge 16 novembre 2001, n. 405 d’ora in avanti indicato come Protocollo,
 
si conviene quanto segue:
 
1. ASL capofila
 
L’ azienda sanitaria locale RMA individuata dalla Regione, come Asl capofila, si impegna ad acquistare i farmaci in elenco dalle ditte produttrici, in base al prezzo e alle modalità di pagamento precedentemente concordate dalle ditte con la Regione, sulla stima dei dati di consumo storico forniti dagli organi regionali con particolare attenzione a quelli relativi alle eparine a basso peso molecolare la cui prescrizione sia stata effettuata a seguito di interventi ortopedici maggiori. Si impegna altresì a monitorare tutte le fasi di gestione del processo, avvalendosi di adeguati supporti informatici forniti dalle aziende capofila individuate, in modo da poter svolgere una funzione di controllo, gestione ed elaborazione statistica atta a verificare l’effettivo risparmio sulla spesa previsto da tale accordo, individuare e correggere laddove possibile gli elementi di criticità del sistema. Inoltre svolgerà un’attività di vigilanza sullo stoccaggio dei farmaci in oggetto con visite periodiche presso le strutture accreditate, segnalando alla Regione eventuali irregolarità
 
2. Aziende fornitrici

Gli ordinativi relativi alla fornitura verranno inviati alle ditte a mezzo fax, o altro mezzo anche elettronico ritenuto idoneo e comunque disciplinato dalla normativa vigente. Ricevuti gli ordini le ditte avranno 24 ore lavorative per dare conferma all’amministrazione contraente e ai distributori capofila della ricezione della fornitura ordinata, comunicando in tale contesto il
numero univoco assegnato all’ordinativo medesimo, la data ordine intesa come data e ora di ricezione dell’ordinativo di fornitura in questione, nonché la data ultima prevista per la consegna che deve avvenire entro il termine perentorio di sette giorni lavorativi, a decorrere dalla “data ordine”.   La ditta fornitrice si impegna a rispettare le norme internazionali ISO 9000 per la gestione e l’assicurazione della qualità, a predisporre tutti gli strumenti e le metodologie, comprensive della relativa  documentazione, atti a consentire all’amministrazione contraente, per quanto di propria competenza, di monitorare la conformità delle forniture alle norme previste nel contratto e negli ordinativi di fornitura; di eseguire la fornitura dei beni e la prestazione dei servizi oggetto del contratto in tutti i luoghi che verranno indicati negli ordinativi emessi dall’Amministrazione contraente; di rendere disponibili entro dieci giorni lavorativi dal ricevimento di apposita richiesta scritta dall’Amministrazione contraente, tutte le indicazioni ed ogni eventuale altro dato inerente agli ordinativi ricevuti nell’ultimo bimestre. A titolo esemplificativo il  numero complessivo degli ordinativi evasi/inevasi/sospesi, il prezzo unitario netto e le quantità fornite di ogni singolo prodotto.
 
3 - Azienda Capofila.
 
Al fine di poter garantire una corretta distribuzione dei farmaci oggetto dell’Accordo su tutto il territorio regionale le parti firmatarie riconoscono l’esigenza di individuare, nell’ambito delle aziende di distribuzione intermedia aderenti al presente regolamento, due aziende definite quali “capofila”, FEDERFARMA SERVIZI e ADF. La consegna della fornitura presso le due aziende capofila,  FEDERFARMA SERVIZI e ADF, dovrà essere corredata per ciascun ordinativo da un Documento di trasporto che riporterà una distinta dei beni forniti con il codice AIC di ciascun prodotto, la quantità consegnata, nonché il numero univoco assegnato dal fornitore all’ordine a cui si riferisce la consegna. La merce viaggia a rischio e pericolo del fornitore, il quale dovrà adottare pertanto tutte le precauzioni necessarie per evitare che la merce subisca alterazioni durante il trasporto. Al ricevimento della merce presso i punti di consegna saranno effettuati i controlli a campione quali-quantitativi da parte del personale del distributore intermedio. In caso di impossibilità di procedere ad un accurato controllo, per via dell’imballaggio e/o per la quantità degli articoli, anche a consegna avvenuta ed accettata, ove emergesse qualche non conformità dei prodotti e/o delle relative quantità rispetto all’ordinativo, la merce potrà essere contestata al fornitore dal distributore intermedio entro e non oltre tre giorni lavorativi dalla data di avvenuta consegna riportata sul documento di trasporto dall’accettante. E’obbligo del distributore intermedio procedere all’inserimento dei farmaci consegnati nel sistema web-dpc nel più breve tempo possibile e comunque non oltre 24 ore dalla consegna (fa fede il timbro di ricezione). Il distributore dovrà comunicare tempestivamente alla ASL committente l’anomalia riscontrata e la merce contestata dovrà essere sostituita dalla ditta fornitrice entro tre giorni lavorativi. Le aziende capofila poi provvederanno alla distribuzione dei farmaci in oggetto presso i distributori intermedi aderenti. Nell’esplicare tale attività di stoccaggio accentrato le aziende capofila, oltre a rispettare tutte le norme di buona gestione e conservazione del “bene” farmaco di proprietà della Regione, dovranno dotarsi di un sistema informatizzato che permetta una visibilità immediata e continuativa da parte della Asl committente della congruità tra merce ordinata e stoccata , nonché dei flussi di uscita e quindi delle giacenze in tempo reale per una corretta gestione degli ordini
 
Le Aziende capofila dovranno essere in grado di proporre alla Regione/ASL i livelli di scorta minima e la necessità di riordino per ciascun medicinale, segnalando tempestivamente ogni aspetto di criticità che possa influire negativamente sulla disponibilità dei medicinali nei confronti dei cittadini.
 
A fronte del servizio su descritto le aziende di distribuzione intermedia aderenti al presente regolamento si impegnano a riconoscere alle Aziende capofila un rimborso degli oneri sopportati
calcolato in misura percentuale sul prezzo al pubblico al netto dell’IVA per ciascuna confezione ricevuta. Tale rimborso sarà quantificato, in separata sede, dalle associazioni di categoria firmatarie interessate sulla base degli effettivi costi sopportati.
  
4 – Aziende di distribuzione intermedia aderenti.
 
Saranno le due aziende capofila a gestire i rapporti con i distributori intermedi che a, loro volta saranno responsabili del bene ”farmaco” di proprietà della Regione fino alla consegna presso le farmacie sia per quel che riguarda le modalità di trasporto e conservazione, sia per problemi riguardanti la mancata consegna, la rottura delle confezioni e la non rispondenza tra giacenza di magazzino e farmaci in uscita. Sarà cura del distributore verificare che tutte le confezioni siano dotate di fustello a lettura ottica annullato con la dicitura Confezione Ospedaliera. I prodotti in oggetto dovranno essere collocati in uno spazio dedicato ed esclusivo nel rispetto delle norme di buona conservazione previste dalla Farmacopea, con particolare attenzione alla scadenza dei farmaci in deposito, avendo cura di comunicare alla Asl capofila i prodotti che presentano una data di scadenza inferiore a sei mesi, e alla corretta temperatura di conservazione prevista dalle schede tecniche dei farmaci in questione. Nell’esplicare tale attività di stoccaggio i distributori intermedi aderenti, scelti dalle farmacie tra quelli accreditati, devono consegnare i farmaci in oggetto alle farmacie richiedenti, assumendo a proprio carico le spese derivanti da eventuali danneggiamenti durante il trasporto, e mancata consegna della confezione di farmaco garantendone il recapito nel minor tempo possibile e comunque, salvo casi di difficoltà comprovata, entro un tempo massimo di 24 ore lavorative, come normalmente avviene per la consegna delle altre commesse.
Qualora il distributore intermedio abbia interrotto le forniture alla farmacia per mancato pagamento o cessazione del rapporto, potrà non fornire il medicinale o i medicinali richiesti previa comunicazione contestuale alla farmacia richiedente e alla ASL Capofila RM A, a mezzo fax o mail, chiedendo a quest’ultima la modifica dell’elenco dei distributori selezionati dalla farmacia stessa dandone comunicazione alla farmacia richiedente.
 
I distributori inoltre dovranno fornire in tempo reale su supporto informatico gli arrivi i carichi, le giacenze, la gestione tecnica (mancanti, arrivi parziali, rotti, avariati, scaduti etc.), le consegne effettuate alle farmacie, nonché gli eventuali resi effettuati da queste ultime. Dovranno inoltre autorizzare il personale incaricato dalla Asl capofila a visionare le modalità di stoccaggio e le giacenze.
 
5 - Copertura dei rischi e responsabilità dei singoli aderenti.
 
Le aziende di distribuzione intermedia aderenti garantiranno la copertura dei rischi di perimento o deterioramento dei prodotti oggetto del presente regolamento. 
 
In ogni caso ciascun aderente è responsabile, nei confronti della Regione Lazio, per il perimento o deterioramento dei prodotti affidati e per ogni altro danno direttamente od indirettamente cagionato nell’espletamento degli impegni assunti in ordine al deposito, allo stoccaggio, alla movimentazione ed alla consegna dei prodotti.
 
6 – Remunerazione.
 
La Regione Lazio riconosce alle farmacie:
a) un rimborso degli oneri complessivi di distribuzione (sia intermedia che finale) di € 6,00 (euro sei/00) a confezione al netto di IVA:
- per i farmaci con prezzo al pubblico inferiore o uguale a € 25,00 già presenti in DPC di cui al Protocollo di Intesa recepito con Decreto Commissariale U 0017 del 23.03.2011;
- per i farmaci con prezzo pubblico superiore a € 25,00 ed inferiore o uguale a € 50.00
 
b) un rimborso degli oneri complessivi di distribuzione (sia intermedia che finale) espresso come percentuale al netto di IVA del prezzo al pubblico al netto di IVA:
- 11,50% (undici/50 percento) per i farmaci con prezzo al pubblico superiore a € 50,00 ed inferiore o uguale ad € 154,94;
- 8,50% (otto/50 per cento) per i farmaci con prezzo al pubblico superiore a € 154,94 ed inferiore o uguale ad € 300,00;
- 6,00% (sei/00 per cento) per i farmaci con prezzo al pubblico superiore a € 300,00 ed inferiore o uguale ad € 600,00;
- 4,00% (quattro/00 per cento) per i medicinali con prezzo al pubblico superiore ad € 600,00 ed inferiore o uguale ad € 1000,00;
 
c) un rimborso degli oneri complessivi di distribuzione (sia intermedia che finale) di € 30,00 (euro trenta/00) a confezione al netto di IVA per i farmaci con prezzo al pubblico superiore ad € 1000,00 (euro mille/00);

d) per le farmacie rurali sussidiate con fatturato annuo con il SSR al netto dell'IVA inferiore a € 387.342,64 le fasce di remunerazione del servizio della distribuzione in nome e per conto, espresso come percentuale del prezzo al pubblico, al netto di IVA, comprensive delle quote di competenza della farmacie e del distributore intermedio sono:
- di € 6,00 (euro sei/00) a confezione al netto di IVA per i farmaci con prezzo al pubblico inferiore o uguale a € 25,00 già presenti in DPC di cui al Protocollo di Intesa recepito con Decreto Commissariale U 0017 del 23.03.2011;
- 16,00% (sedici/00 percento) per i farmaci con prezzo al pubblico inferiore o uguale ad € 600,00;
- 5,00% (cinque/00 per cento) per i medicinali con prezzo al pubblico superiore ad € 600,00 ed inferiore o uguale ad € 1000,00;
- € 30,00 (euro trenta/00) a confezione al netto di IVA per i  farmaci con prezzo al pubblico superiore ad € 1000,00 (euro mille/00).
 
Come espresso nel punto 1 del Protocollo di Intesa, recepito con Decreto Commissariale n. U0017 del 23.03.2011, la Regione si impegna a riallineare progressivamente i pagamenti ai termini convenzionali e comunque non oltre i 60 giorni. In caso di mancato rispetto di tale termine, in qualsiasi momento successivo al 31/03/2012, e comunque sino al termine del contratto, alle fasce di remunerazione dell'8,5%, del 6% e del 4% sarà applicata una maggiorazione aggiornandosi automaticamente a 9,0%, 6,5%, 4,5%.
 
A fronte dei servizi su riportati, le farmacie convenzionate riconosceranno ai distributori intermedi che effettueranno la distribuzione, una remunerazione pari a quanto stabilito dall’accordo sottoscritto dalle parti e allegato al presente di cui è parte integrante (allegato A).
 
7 – Farmacie.
 
Le farmacie, nell’ambito di tale accordo, si impegnano a trasmettere gli ordini relativi ai farmaci in questione al distributore intermedio prescelto per via telematica o, in caso di impossibilità, l’invio dell’ordine è consentito anche tramite fax/tel.   Grazie al tracciato telematico il sistema evidenzia in tempo reale la disponibilità del prodotto e solo nel caso in cui i distributori
accreditati in un numero compreso tra 2 e 4 non siano in grado di evadere la richiesta e dopo che il sistema in modo automatico abbia verificato la disponibilità presso le due aziende di distribuzione capofila, il farmacista, a causa della mancata disponibilità del prodotto in oggetto nei tempi massimi consentiti, potrà erogare le confezioni reperibili nel normale circuito distributivo in regime convenzionale, allegando alla ricetta la certificazione della carenza nel circuito distributivo.   Le ricette con tale dicitura dovranno essere poste secondo il raggruppamento già indicato dalla Regione.   Qualora vengano erogati farmaci di proprietà della farmacia, in assenza delle certificazioni attestanti la mancanza del prodotto, la remunerazione non verrà corrisposta alla farmacia e le verrà addebitata la differenza tra il costo del farmaco che avrebbe comunque sostenuto la regione e quanto corrisposto alla farmacia al netto delle eventuali quote di compartecipazione ove previste in base alle tipologie di esenzione indicate sulle ricette.
Le farmacie avranno 30 giorni di tempo dall’eventuale comunicazione di rettifica per produrre ricorso alla commissione di cui all’art 3 dell’accordo recepito con Decreto Commissariale U0002 del 14.01.2009 e sue successive modifiche o integrazioni.
Le farmacie sono inoltre tenute a controllare la corretta compilazione della ricetta che dovrà contenere tutti gli elementi previsti dalla normativa vigente e apporre all’atto della spedizione i fustelli ottici riportanti la dicitura “confezione ospedaliera”.
 
Il reso dei farmaci consegnati alla farmacia avverrà nei seguenti casi e alle seguenti condizioni:
1) in caso di richiesta o invio errato entro 24 ore dalla data di consegna,
2) in caso di mancato ritiro da parte del paziente entro 10 giorni dal termine di validità della ricetta.
 
Il reso deve essere accompagnato da una dichiarazione sullo stato di buona conservazione.   Il reso si intende accettato nel momento in cui il distributore intermedio lo prende in carico, da quel momento la corretta conservazione o il perimento sono responsabilità del distributore. 
Le ricette contenenti farmaci in oggetto dovranno essere consegnate entro i tempi previsti dalla vigente normativa in mazzette separate.
La farmacia chiude la ricetta sul sistema web-dpc entro il termine di contabilizzazione del mese di competenza.
La contabilizzazione, fatti salvi casi eccezionali, di norma si effettua nel mese di competenza della prescrizione.
 
8 - Contestazioni ricette farmacie.
 
Le ricette spedite dalle farmacie e oggetto di contestazione saranno esaminate dalla Commissione paritetica di cui all’accordo recepito con decreto Commissariale U0002 del 14.01.2009, punto 3.
 
In nessun caso l’addebito alla farmacia può essere superiore al costo effettivamente sostenuto dalla ASL Capofila Roma A, tenendo tuttavia conto di una tolleranza derivante da una fisiologica percentuale di errore.
 
9 – Avvio dell’accordo e nuovi inserimenti.
 
Per l’avvio del nuovo accordo sottoscritto con il protocollo di intesa del 04.03.2011 e recepito dal Decreto Commissariale U0017 del 23.03.2011 il termine ultimo per lo smaltimento scorte è il 30/06/2011  sia per le farmacie, per quanto concerne i farmaci che passano dalla convenzionata alla DPC, sia  per le ASL, per quanto concerne i farmaci della classe ATC B03XA che passano dalla DD alla DPC che per la ASL RMA per i farmaci con un prezzo pubblico inferiore a 
€ 25,00 che passano dalla DPC alla convenzionata .
 
Per quanto riguarda i nuovi inserimenti si rimanda all’allegato B, parte integrante del presente documento.
 
10 – Prodotti in doppia via: chiarimenti precisazioni
 
Per quanto concerne i prodotti in doppia via si conferma quanto disciplinato dal decreto U0002 del 14.01.2009 e dalle successive circolari esplicative fatta eccezione del caso in cui sulla ricetta siano prescritti due prodotti diversi, uno in convenzionata e l’altro nell’elenco DPC in doppia via, ma con clausola urgente o senza sigla DP negli appositi spazi. Si potrà spedire la ricetta convenzionalmente con entrambi i prodotti senza arrecare ulteriore disagio al cittadino. Per gli antipsicotici atipici in urgenza è possibile solo la monoprescrizione.
 
11 - Durata dell’accordo
 
Il presente regolamento avrà durata pari a quella dell’Accordo.   In caso di emanazione di norme legislative o regolamentari nonché di provvedimenti amministrativi, sia nazionali che regionali, che provochino modifiche ai contenuti dell’Accordo, le parti firmatarie si impegnano ad incontrarsi per verificare la necessità di apportare eventuali modifiche od integrazioni al presente regolamento.
  
12 - Adeguamento software 
 
Al fine di ottemperare a quanto siglato nel protocollo d’intesa in merito alla tracciatura del codice fiscale e alla disponibilità dei piani terapeutici on line per i farmaci di cui alla classe ATC B03XA01 e H01AC saranno commissionate le modifiche necessarie allo sviluppo del portale WEB DPC.
Una volta disponibile la funzionalità del piano terapeutico on line non sarà più obbligatorio allegare il piano terapeutico all’atto della spedizione per i medicinali di cui alle ATC B03XA01 e H01AC.
 
Trattandosi di accordo tra le parti, le farmacie, come riportato nel protocollo di intesa, rileveranno il codice fiscale solo ed esclusivamente qualora il cittadino presenti la tessera sanitaria.   In caso di mancanza di tessera sanitaria non vi è obbligo per la farmacia di acquisire il codice fiscale sul portale WEB DPC.
 
13 – Sostituzione farmaci 
 
Farmaci equivalenti
In caso di farmaco equivalente non disponibile presso il circuito distributivo DPC il farmacista potrà proporre all’utente la sostituzione con altro farmaco equivalente disponibile nella filiera DPC.
I principi attivi che potranno essere interessati sono:
 
14 - Privacy
 
La Regione Lazio ai sensi della legge 196/2003 incarica Federfarma Lazio per il trattamento dei dati contenuti nei sistemi WEB-CARE e WEB.DPC.
Federfarma Lazio dichiara e garantisce che tratterà i dati contenuti nei sistemi WEB-CARE e WEB-DPC nel pieno rispetto della legge 196/2003. Dichiara inoltre che il solo scopo del trattamento è la tracciatura delle prestazioni a favore della Regione Lazio e si obbliga a non comunicare e/o diffondere a terzi i dati medesimi.
 
15 - Commissione tecnica
 
Le parti firmatarie del Protocollo di Intesa istituiscono una Commissione tecnica composta da due rappresentanti per ogni organizzazione con il compito di definire e garantire le più convenienti e funzionali modalità di circolazione dei farmaci tra i diversi operatori, fornendo, nel contempo, la massima trasparenza alla Regione Lazio.   La commissione dovrà elaborare, in armonia con quanto previsto dal presente regolamento e dall’Accordo, procedure operative più dettagliate alle quali dovranno attenersi i diversi operatori della filiera.   La Commissione avrà, altresì, il compito di verificare l’andamento dell’accordo e segnalare alle parti firmatarie possibili interventi correttivi.
 
16 – Clausola finale
 
Il Protocollo di Intesa del 04.03 prevede una serie di adempimenti quali la tempistica dei pagamenti e la loro centralizzazione, la distribuzione dei presidi del nomenclatore, dei vaccini anti influenzali e l’attivazione dei servizi tramite le farmacie, la cui realizzazione in toto è essenziale in quando condizioni che hanno concorso alla firma del Protocollo stesso.
Pertanto le parti si impegnano a calendarizzare gli incontri per la realizzazione di tutte le previsioni del Protocollo di Intesa secondo il presente schema:
 
Per quanto non espressamente trattato il tale accordo è regolamentato dai precedenti decreti commissariali e dalle rispettive circolari esplicative.
Tale regolamento attuativo entrerà in vigore dal 30/04/2011 al fine di ottimizzare l’intero processo.
  
Roma, 21-04-2011

firmato


Allegato A

ACCORDO SULLE QUOTE PERCENTUALI DI REMUNERAZIONE FARMACIE-GROSSISTI IN RIFERIMENTO ALL'ACCORDO PER LA DISTRIBUZIONE TRAMITE LE FARMACIE CONVENZIONATE DI FARMACI DI CUI AL PHT "PRONTUARIO DELLA DISTRIBUZIONE DIRETTA"
Decreto Commissariale U0002 del 14.01.2009 e Protocollo d'Intesa Regione Lazio - Federfarma Lazio del 04.03.2011
TRA
ADF rappresentata dal dott. Walter FARRIS
FEDERFARMA SERVIZI  rappresentata dal Presidente dott. Paolo TAGLIAVINI.
FEDERFARMA LAZIO  rappresentata dal  dott. Franco Caprino
CONFSERVIZI LAZIO  rappresentata dal Direttore dott. Massimo Serafini
 
In riferimento alla revisione dell'Accordo per la Distribuzione per Conto di cui al Decreto Commissariale U002 del 14.01.2009, sottoscritto con apposito Protocollo di Intesa tra la Regione Lazio, Federfarma Lazio e Confservizi Lazio in data 04.03.2011, che prevede anche la rimodulazione delle fasce di remunerazione che la Regione Lazio riconosce alle farmacie,

le parti convengono quanto segue

a far data dalla rimodulazione delle fasce di remunerazione per lae farmacie, quest'ultime riconosceranno alla distribuzione intermedia che effettuerà il servizio di Distribuzione Per Conto  una remunerazione pari a:

          
pp sino a € 50.00
pp da €  50.01 a € 154.94
pp da €  154.94 a € 300.00
pp da €  300.01 a € 600.00
pp da € 600.01 a € 1000.00
pp oltre € 1000.01
€ 1,00 a confezione
2.10% del pp deivato
1.60% del pp deivato
1.55% del pp deivato
1.00% del pp deivato
€ 7.50 a confezione
pp: prezzo pubblico

Dette remunerazioni si intendono al netto dell'iva

Le relative fatture del distributore intermedio saranno liquidate dalle farmacie nei tempi concordati dalla singola farmacia con i propri fornitori.

firmato



Allegato B

PRINICIPIO ATTIVO      ATC      MINSAN     DENOMINAZIONE     CONFEZIONE

PIOGLITAZONE CLORIDRATO E METFORMINA     A10BD05     037225099     COMPETACT     15 MG/850 MG CPR
PIOGLITAZONE CLORIDRATO E METFORMINA     A10BD05     038529057     GLUBRAVA     15 MG/850 MG CPR
PIOGLITAZONE CLORIDRATO E GLIMEPIRIDE     A10BD06     038345029     TANDEMACT     30 MG/4MG CPR
SITAGLIPTIN+ METFORMINA CLORIDRATO     A10BD07     038672109     JANUMET     56 CPR 50 MG+1000 MG
SITAGLIPTIN+ METFORMINA     A10BD07     038773038     EFFICIB     56 CPR 50 MG/850 MG
SITAGLIPTIN+ METFORMINA     A10BD07     038773103     EFFICIB     56 CPR 50 MG/1000 MG
SITAGLIPTIN+ METFORMINA CLORIDRATO     A10BD07     038672034     JANUMET     56 CPR 50 MG+850 MG
SITAGLIPTIN+METFORMINA     A10BD07     038678102     VELMETIA 50 MG+1000 MG     56 COMPRESSE
SITAGLIPTIN+METFORMINA     A10BD07     038678037     VELMETIA 50 MG+850 MG     56 COMPRESSE
METFORMINA+ VILDAGLIPTIN     A10BD08     038252096     EUCREAS 50 MG     1000 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM
METFORMINA+ VILDAGLIPTIN     A10BD08     038252033     EUCREAS 50 MG     850 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM
PIOGLITAZONE CLORIDRATO     A10BG03     034946018     ACTOS 15 MG     28 CPR 15 MG
PIOGLITAZONE CLORIDRATO     A10BG03     034946044     ACTOS 30 MG     28 CPR 30 MG
PIOGLITAZONE CLORIDRATO     A10BG03     034946121     ACTOS 45 MG     28 CPR 45 MG
PIOGLITAZONE CLORIDRATO     A10BG03     034958013     GLUSTIN     15 MG CPR
PIOGLITAZONE CLORIDRATO     A10BG03     034958049     GLUSTIN     30 MG CPR
SITAGLIPTIN     A10BH01     038448142     TESAVEL     28 CPR 100 MG    
SITAGLIPTIN FOSFATO MONOIDRATO     A10BH01     037793142     JANUVIA     28 CPR 100 MG
SITAGLIPTIN FOSFATO MONOIDRATO     A10BH01     037794144     XELEVIA 100 MG     28 COMPRESSE RIVESTITE CON FILM
VILDAGLIPTIN     A10BH02     038144059     GALVUS     50 MG COMPRESSE
SAXAGLIPTIN     A10BH03     039453028     ONGLYZA     28 CPR 5 MG
EXENATIDE     A10BX04     037568019     BYETTA     SC 1PEN 5 MCG/1,2 ML
EXENATIDE     A10BX04     037568033     BYETTA     SC 1PEN 10 MCG/2,4 ML
LIRAGLUTIDE     A10BX07     039365010     VICTOZA     2 PENNE PRERIEMPITE 3 ML
PRASUGREL     B01AC22     039055025     EFIENT     28 CPR RIV 5 MG
PRASUGREL     B01AC22     039055090     EFIENT     28 CPR RIV 10 MG
FONDAPARINUX SODICO     B01AX05     035606033     ARIXTRA 10 FIALE     SIRINGHE PRERIEMPITE 2,5MG/0,5 ML
FONDAPARINUX SODICO     B01AX05     035606060     ARIXTRA 10 FIALE     SIRINGHE PRERIEMPITE 1,5MG/0,3 ML
FATTORE IX DI COAGULAZIONE DEL SANGUE UMANO LIOFILIZZATO     B02BD04     038324036     FIX NOVE     1 FIALA 1200 UI
INIBITORE UMANO C-1 ESTERASI     B02AB03     039056015     BERINERT     1FL POLV+1FL 10ML ACQUA PPI 500 U.I.
EPOETINA ALFA     B03XA01     038494151     ABSEAMED     1 SIR 10000 UI 1 ML
EPOETINA ALFA     B03XA01     038494011     ABSEAMED     1 SIR 1000 UI 0,5 ML
EPOETINA ALFA     B03XA01     038494035     ABSEAMED     1 SIR 2000 UI 1 ML
EPOETINA ALFA     B03XA01     038494050     ABSEAMED     1 SIR 3000 UI 0,3 ML
EPOETINA ALFA     B03XA01     038494074     ABSEAMED     1 SIR 4000 UI 0,4 ML
EPOETINA ALFA     B03XA01     038494098     ABSEAMED     1 SIR 5000 UI 0,5 ML
EPOETINA ALFA     B03XA01     038494112     ABSEAMED     1 SIR 6000 UI 0,6 ML
EPOETINA ALFA     B03XA01     038494136     ABSEAMED     1 SIR 8000 UI 0,8 ML
EPOETINA ALFA     B03XA01     027015155     EPREX     1 SIRINGA EV SC 2.000 U.I. 0,5 ML
EPOETINA ALFA     B03XA01     027015167     EPREX     1 SIRINGA EV SC 3.000 U.I. 0,3 ML
EPOETINA ALFA     B03XA01     027015179     EPREX     1 SIRINGA EV SC 4.000 U.I. 0,4 ML
EPOETINA ALFA     B03XA01     027015231     EPREX     1 SIRINGA EV SC 5.000 U.I. 0,5 ML
EPOETINA ALFA     B03XA01     027015243     EPREX     1 SIRINGA EV SC 6.000 U.I. 0,6 ML
EPOETINA ALFA     B03XA01     027015268     EPREX     1 SIRINGA EV SC 8.000 U.I. 0,8 ML
EPOETINA ALFA     B03XA01     027015181     EPREX     1 SIRINGA EV SC 10.000 U.I. 1 ML
EPOETINA ALFA     B03XA01     027015282     EPREX     1 SIRINGA EV SC 40.000 UI/ML 1 ML
EPOETINA BETA     B03XA01     034430292     NEORECORMON     1 SIRINGA EV SC 2.000 U.I.
EPOETINA BETA     B03XA01     034430316     NEORECORMON     1 SIRINGA EV SC 3.000 U.I
EPOETINA BETA     B03XA01     034430417     NEORECORMON     1 SIRINGA EV SC 4.000 U.I.
EPOETINA BETA     B03XA01     034430330     NEORECORMON     1 SIRINGA EV SC 5.000 U.I
EPOETINA BETA     B03XA01     034430431     NEORECORMON     1 SIRINGA EV SC 6.000 U.I
EPOETINA BETA     B03XA01     034430355     NEORECORMON     1 SIRINGA EV SC 10.000 U.I.
EPOETINA BETA     B03XA01     034430379     NEORECORMON     1 SIRINGA EV SC 20.000 U.I.
EPOETINA BETA     B03XA01     034430456     NEORECORMON     1 SIRINGA EV SC 30.000 U.I.
EPOETINA TETA     B03XA01     039474111     EPORATIO (EPOETINA TETA)     1 SIRINGA PRER. 10000 UI / 1 ML
EPOETINA TETA     B03XA01     039474174     EPORATIO (EPOETINA TETA)     1 SIR.PRERIEMPITA 20000 UI / 1 ML
EPOETINA TETA     B03XA01     039474236     EPORATIO (EPOETINA TETA)     1 SIRINGA PRERIEMPITA 30000 UI / 1 ML
EPOETINA Z     B03XA01     038381036     RETACRIT     2.000 U.I./0,6ML
EPOETINA Z     B03XA01     038381051     RETACRIT     3.000 U.I./0,9ML
EPOETINA Z     B03XA01     038381075     RETACRIT     4.000 U.I./0,4ML
EPOETINA Z     B03XA01     038381099     RETACRIT     5.000 U.I./0,5ML
EPOETINA Z     B03XA01     038381113     RETACRIT     6.000 U.I./0,6ML
EPOETINA Z     B03XA01     038381137     RETACRIT     8.000 U.I./0,8ML
EPOETINA Z     B03XA01     038381152     RETACRIT     10.000 U.I./1ML
EPOETINA Z     B03XA01     038381176     RETACRIT     20.000 U.I./0,5ML
EPOETINA Z     B03XA01     038381188     RETACRIT     30.000 U.I./0,75ML
EPOETINA Z     B03XA01     038381190     RETACRIT     40.000 U.I./1ML
ERITROPOIETINA     B03XA01     038190031     BINOCRIT     2000UI/1,0ML SOLUZ. INIETT. IN SIR. PRERIEMPITA
ERITROPOIETINA     B03XA01     038190056     BINOCRIT     3000UI/0,3ML SOLUZ. INIETT. IN SIR. PRERIEMPITA
ERITROPOIETINA     B03XA01     038190070     BINOCRIT     4000UI/0,4ML SOLUZ. INIETT. IN SIR. PRERIEMPITA
ERITROPOIETINA     B03XA01     038190094     BINOCRIT     5000UI/0,5ML SOLUZ. INIETT. IN SIR. PRERIEMPITA
ERITROPOIETINA     B03XA01     038190118     BINOCRIT     6000UI/0,6ML SOLUZ. INIETT. IN SIR. PRERIEMPITA
ERITROPOIETINA     B03XA01     038190132     BINOCRIT     8000UI/0,8ML SOLUZ. INIETT. IN SIR. PRERIEMPITA
ERITROPOIETINA     B03XA01     038190157     BINOCRIT     10000UI/1ML SOLUZ. INIETT. IN SIR. PRERIEMPITA
ERITROPOIETINA     B03XA01     038190219     BINOCRIT     20000UI/0,5ML
ERITROPOIETINA     B03XA01     038190233     BINOCRIT     30000UI/0,75ML
ERITROPOIETINA     B03XA01     038190258     BINOCRIT     40000UI/1ML
DARBEPOETINA ALFA     B03XA02     035691017     ARANESP     1 SIRINGA SC EV 10 MCG 0,4 ML
DARBEPOETINA ALFA     B03XA02     035691056     ARANESP     1 SIRINGA SC EV 20 MCG 0,5 ML
DARBEPOETINA ALFA     B03XA02     035691070     ARANESP     1 SIRINGA SC EV 30 MCG 0,3 ML
DARBEPOETINA ALFA     B03XA02     035691094     ARANESP     1 SIRINGA SC EV 40 MCG 0,4 ML
DARBEPOETINA ALFA     B03XA02     035691118     ARANESP     1 SIRINGA SC EV 50 MCG 0,5 ML
DARBEPOETINA ALFA     B03XA02     035691132     ARANESP     1 SIRINGA SC EV 60 MCG 0,3 ML
DARBEPOETINA ALFA     B03XA02     035691157     ARANESP     1 SIRINGA SC EV 80 MCG 0,4 ML
DARBEPOETINA ALFA     B03XA02     035691171     ARANESP     1 SIRINGA SC EV 100 MCG 0,5 ML
DARBEPOETINA ALFA     B03XA02     035691195     ARANESP     1 SIRINGA SC EV 150 MCG 0,3 ML
DARBEPOETINA ALFA     B03XA02     035691219     ARANESP     1 SIRINGA SC EV 300 MCG 0,6 ML
DARBEPOETINA ALFA     B03XA02     035691310     ARANESP     1 SIRINGA SC EV 500 MCG 1 ML
DARBEPOETINA ALFA     B03XA02     035691359     ARANESP     SC 1PEN 20MCG 0,5ML
DARBEPOETINA ALFA     B03XA02     035691447     ARANESP     SC 1PEN 40MCG 0,4ML
DARBEPOETINA ALFA     B03XA02     035691385     ARANESP     SC 1PEN 60MCG 0,3ML
DARBEPOETINA ALFA     B03XA02     035691397     ARANESP     SC 1PEN 80MCG 0,4ML
DARBEPOETINA ALFA     B03XA02     035691409     ARANESP     SC 1PEN 100MCG 0,5ML
DARBEPOETINA ALFA     B03XA02     035691411     ARANESP     SC 1PEN 150MCG 0,3ML
DARBEPOETINA ALFA     B03XA02     035691423     ARANESP     SC 1PEN 300MCG 0,6ML
DARBEPOETINA ALFA     B03XA02     035691435     ARANESP     SC 1PEN 500MCG 1ML
METOSSIPOLIETILENGLICOLE-EPOETINA BETA     B03XA03     038348088     MIRCERA     50MCG S.I1S.0,3ML
METOSSIPOLIETILENGLICOLE-EPOETINA BETA     B03XA03     038348090     MIRCERA     75MCG S.I1S.0,3ML
METOSSIPOLIETILENGLICOLE-EPOETINA BETA     B03XA03     038348102     MIRCERA     100MCG S.I1S.0,3ML
METOSSIPOLIETILENGLICOLE-EPOETINA BETA     B03XA03     038348203     MIRCERA     120MCG S.I1S.0,3ML
METOSSIPOLIETILENGLICOLE-EPOETINA BETA     B03XA03     038348114     MIRCERA     150MCG S.I1S.0,3ML
METOSSIPOLIETILENGLICOLE-EPOETINA BETA     B03XA03     038348126     MIRCERA     200MCG S.I1S.0,3ML
METOSSIPOLIETILENGLICOLE-EPOETINA BETA     B03XA03     038348138     MIRCERA     250MCG S.I1S.0,3ML
METOSSIPOLIETILENGLICOLE-EPOETINA BETA     B03XA03     038348177     MIRCERA     30MCG S.I1S.0,3ML
METOSSIPOLIETILENGLICOLE-EPOETINA BETA     B03XA03     038348215     MIRCERA     360MCG S.I1S.0,3ML
DRONEDARONE     C01BD07     039589039     MULTAQ 400 MG     CPS RIVESTITE CON FILM
IVABRADINA     C01EB17     037060035     CORLENTOR     56 CPR RIV 5 MG ALL/P
IVABRADINA     C01EB17     037060100     CORLENTOR     56 CPR RIV 7,5 MG ALL
IVABRADINA     C01EB17     037061037     PROCORALAN 5 MG     56 CPR RIVESTITE CON FILM
IVABRADINA     C01EB17     037061102     PROCORALAN 7,5 MG     56 CPR RIVESTITE CON FILM
IMIQUIMOD     D06BB10     034405011     ALDARA CREMA 5%     12 BUSTE 250 MG
DESMOPRESSINA (ACETATO TRIIDRATO)     H01BA02     027665025     EMOSINT 20 MCG     10 FIALE 20 MCG/1 ML
DESMOPRESSINA (ACETATO TRIIDRATO)     H01BA02     027665013     EMOSINT 4 MCG     10 FIALE 4 MCG/1 ML
GONODORELINA     H01CA01     026520015     KRYPTOCUR     FLACONE 10G + 2 FIALE
OCTREOTIDE     H01CB02     038113027     OCTREOTIDE HOSPIRA     0.1 MG/5 FIALE
OCTREOTIDE     H01CB02     038113041     OCTREOTIDE HOSPIRA     0.5 MG/5 FIALE
OCTREOTIDE     H01CB02     038113039     OCTREOTIDE HOSPIRA     1 MG/1 FIALE
OCTREOTIDE     H01CB02     039100045     TREOJECT     5SIR 1ML 0,1 MG/ML
CINACALCET     H05BX01     036598023     MIMPARA     28 CPR 30 MG
CINACALCET     H05BX01     036598050     MIMPARA     28 CPR 60 MG
CINACALCET     H05BX01     036598098     MIMPARA     28 CPR 90 MG
PARACALCITOLO     H05BX02     036374054     ZEMPLAR     1 MCG CAPSULE MOLLI – 28 CPS
PARACALCITOLO     H05BX02     036374080     ZEMPLAR     2 MCG CAPSULE MOLLI – 28 CPS
PARACALCITOLO     H05BX02     036374015     ZEMPLAR     5 F 1 ML
IMMUNOGLOBULINA ANTI-D     J06BB01     021974035     PARTOBULIN     1 SIR PRERIEMPITA 1250 UI SOL INIET
IMMUNOGLOBULINA UMANA ANTI RHO (ANTI-D)     J06BB01     022547018     IMMUNO RHO 300 MCG     1 FLACONE 300 MCG
TRETINOINA     L01XX14     029838024     VESANOID     10 MG 100 CPS
BICALUTAMIDE     L02BB03     039726245     BICALUTAMIDE     28 CPR 150 MG
BICALUTAMIDE     L02BB03     038830143     BICALUTAMIDE CHIESI     150 MG
BICALUTAMIDE     L02BB03     038830028     BICALUTAMIDE CHIESI     50 MG
BICALUTAMIDE     L02BB03     038536049     SAFEDEX     28CPR RIV 50MG
BICALUTAMIDE     L02BB03     038536165     SAFEDEX     28CPR RIV. 150MG
FILGASTRIM     L03AA02     039125012     ZARZIO 30 MU     30 MU/0,5 ML
FILGASTRIM     L03AA02     039125051     ZARZIO 48 MU     48 MU/0,5 ML
FILGRASTIM     L03AA02     027772096     GRANULOKINE 30 MU     1 SIRINGA PRERIEMPITA 0,5 ML 30 MU
FILGRASTIM     L03AA02     027772033     GRANULOKINE 30 MU     1 FLACONCINO INIETTABILE 1 ML 30 MU
FILGRASTIM (DC.IT)     L03AA02     038734012     RATIOGRASTIM RATIOPHARM®  (FILGRASTIM XM02)     1 F.LA SIRINGA PRERIEMPITA 30 MUI (300MCG/0,5 ML)
FILGRASTIM (DC.IT)     L03AA02     039481092     TEVAGRASTIM (FILGRASTIM XM02)     1 F.LA SIRINGA PRERIEMPITA 30 MUI (300MCG/0,5 ML)
LENOGRASTIM     L03AA10     028686044     GRANOCYTE 34     F 33,6MIU
LENOGRASTIM     L03AA10     029059096     MYELOSTIM 34     F 33,6MIU
PEGFILGRASTIM     L03AA13     035716012     NEULASTA     6 MG SOLUZ. INIETT. 1 SIR PRER. 0,6 ML SOTTOC
SIROLIMUS     L04AA10     035120070     RAPAMUNE 1 MG     100 CPS RIV IN BLISTER
SIROLIMUS     L04AA10     035120094     RAPAMUNE 2 MG     30 CPS RIV CON FILM IN BLISTER
SIROLIMUS     L04AA10     035120017     RAPAMUNE 60 ML     OS FL 60 ML+30 SIR DOS+1 ADAT.+AST
LEFLUNOMIDE     L04AA13     034702098     ARAVA 100 MG     100 MG 3 CPS RIV CON FILM
LEFLUNOMIDE     L04AA13     034702074     ARAVA 20 MG     20 MG 30 CPS RIV CON FILM
EVEROLIMUS     L04AA18     036373227     CERTICAN 0,25 MG     COMPRESSE DISPERSIBILI
EVEROLIMUS     L04AA18     036373025     CERTICAN 0,25 MG     COMPRESSE
EVEROLIMUS     L04AA18     036373102     CERTICAN 0,75 MG     COMPRESSE
LEVODOPA + CARBIDOPA +ENTACAPONE     N04BA03     036825242     STALEVO     75MG/18.75 MG/200 MG
LEVODOPA + CARBIDOPA +ENTACAPONE     N04BA03     036825077     STALEVO     100MG/25 MG/200 MG
LEVODOPA + CARBIDOPA +ENTACAPONE     N04BA03     036825255     STALEVO     125MG/31.25 MG/200 MG
LEVODOPA + CARBIDOPA +ENTACAPONE     N04BA03     036825115     STALEVO     150MG/37.5 MG/200 MG
LEVODOPA + CARBIDOPA +ENTACAPONE     N04BA03     036825216     STALEVO     200MG/50 MG/200 MG
LEVODOPA+ CARBIDOPA+ ENTACAPONE     N04BA03     036825038     STALEVO     50MG/12.5 MG/200 MG
TOLCAPONE 100 MG     N04BX01     033280090     TASMAR     100 COMPRESSE RIVESTITE CON FILM
ENTACAPONE     N04BX02     034231035     COMTAN     100 CPR 200 MG
ZIPRASIDONE     N05AE04     034935383     ZELDOX 20 MG     56 CPS RIGIDE
ZIPRASIDONE     N05AE04     034935472     ZELDOX 40 MG     56 CPS RIGIDE
ZIPRASIDONE     N05AE04     034935561     ZELDOX 60 MG     56 CPS RIGIDE
RISPERIDONE     N05AX08     037978020     RISPERIDONE     60 CPR 1 MG
RISPERIDONE     N05AX08     037978044     RISPERIDONE     60 CPR 2 MG
RISPERIDONE     N05AX08     037978069     RISPERIDONE     60 CPR 3 MG
RISPERIDONE     N05AX08     037978083     RISPERIDONE     60 CPR 4 MG
MODAFINIL     N06BA07     034369013     PROVIGIL     30 CPR 100MG
ATOMOXETINA     N06BA09     037063118     STRATTERA     28CPS 18MG
ATOMOXETINA     N06BA09     037063157     STRATTERA     28CPS 25MG
ATOMOXETINA     N06BA09     037063195     STRATTERA     28CPS 40MG
ATOMOXETINA     N06BA09     037063233     STRATTERA     28CPS 60MG
ATOMOXETINA     N06BA09     037063056     STRATTERA     7CPS 10MG
ATOMOXETINA     N06BA09     037063094     STRATTERA     7CPS 18MG
ATOMOXETINA     N06BA09     037063132     STRATTERA     7CPS 25MG
ATOMOXETINA     N06BA09     037063171     STRATTERA     7CPS 40MG
DONEPEZIL     N06DA02     033254119     ARICEPT     ORODISPERSIBILE 10 MG
DONEPEZIL     N06DA02     033254044     ARICEPT     ORODISPERSIBILE 5 MG
DONEPEZIL     N06DA02     033254020     ARICEPT 10 MG     28 CPS
DONEPEZIL     N06DA02     033254018     ARICEPT 5 MG     28 CPS
DONEPEZIL     N06DA02     033255112     MEMAC     28 CPR ORODISP. 10 MG
DONEPEZIL     N06DA02     033255047     MEMAC     28 CPR ORODISP. 5 MG
DONEPEZIL     N06DA02     033255023     MEMAC     28 CPR 10 MG
DONEPEZIL     N06DA02     033255011     MEMAC     28 CPR 5 MG
RIVASTIGMINA     N06DA03     034078028     EXELON     1,5 MG COMPRESSE
RIVASTIGMINA     N06DA03     034078055     EXELON     3 MG COMPRESSE
RIVASTIGMINA     N06DA03     034078081     EXELON     4,5 MG COMPRESSE
RIVASTIGMINA     N06DA03     034078117     EXELON     6 MG COMPRESSE
RIVASTIGMINA     N06DA03     034078168     EXELON 4,6 MG     24 ORE CEROTTO TRANSDERMICO
RIVASTIGMINA     N06DA03     034078206     EXELON 9,5 MG     24 ORE CEROTTO TRANSDERMICO
RIVASTIGMINA  (TARTRATO ACIDO)     N06DA03     034318028     PROMETAX     56 CPS RIGIDE 1,5 MG
RIVASTIGMINA  (TARTRATO ACIDO)     N06DA03     034318055     PROMETAX     56 CPS RIGIDE 3 MG
RIVASTIGMINA  (TARTRATO ACIDO)     N06DA03     034318081     PROMETAX     56 CPS RIGIDE 4,5 MG
RIVASTIGMINA  (TARTRATO ACIDO)     N06DA03     034318117     PROMETAX     56 CPS RIGIDE 6 MG
GALANTAMINA     N06DA04     034752117     REMINYL     CAPSULE 8 MG RP
GALANTAMINA     N06DA04     034752131     REMINYL     CAPSULE 16 MG RP
GALANTAMINA     N06DA04     034752170     REMINYL     CAPSULE 24 MG RP
GALANTAMINA     N06DA04     034752042     REMINYL     56 CAPSULE 12 MG RIV
GALANTAMINA     N06DA04     034752081     REMINYL     56 CAPSULE 4 MG RIV
GALANTAMINA     N06DA04     034752030     REMINYL     56 CAPSULE 8 MG RIV
MEMANTINA     N06DX01     035681055     EBIXA     5MG/EROGAZIONE – SOLUZIONE ORALE
MEMANTINA     N06DX01     035681081     EBIXA 10MG     56 CPS RIVESTITE CON FILM
MEMANTINA     N06DX01     035681105     EBIXA 20MG     28 CPS RIVESTITE CON FILM
LANTANIO CARBONATO     V03AE03     037097134     FOZNOL     90 CPR 500 MG
LANTANIO CARBONATO     V03AE04     037097209     FOZNOL     90 CPR 1000 MG
LANTANIO CARBONATO     V03AE05     037097096     FOZNOL     90 CPR 7500 MG
MESNA 400 MG     V03AF01     025312024     UROMITEXAN     400 MG/4 ML SOL INIET. PER USO EV


ACCORDO 2009-2011 PER LA DISTRIBUZIONE TRAMITE LE FARMACIE CONVENZIONATE
DI FARMACI DI CUI AL PHT “PRONTUARIO  DELLA DISTRIBUZIONE DIRETTA”

(DETERMINAZIONE AIFA DEL 29.10. 2004 LO. ti. 162 ALLA G. (1. N. 259 DEL 4.11.2004)
TRA
LA REGIONE LAZIO rappresentata dal Commissario ad Acta Piero Marrazzo.
LA FEDERFARMA LAZIO rappresentata dal Presidente dell’Unione Regionale dott. Franco CAPRINO.
LE FARMACIE COMUNALI rappresentate dal Presidente di Confservizi Lazio nella persona del dott. Giuseppe LABARILE.
LA FARMACAP rappresentata dal Direttore dott. Marco ORGERA.
PREMESSO:
che la legge 405/01 all’art.8 lettera a) ha stabilito che le Regioni, anche con proprio provvedimento amministrativo, possano stipulare accordi con le rappresentanze sindacali delle Farmacie convenzionate per la distribuzione, tramite le Farmacie medesime, delle categorie di medicinali che richiedono un controllo ricorrente del paziente con le medesime modalità previste per la distribuzione attraverso le strutture aziendali del SSN;
che l’AIFA con la Determinazione del 29 ottobre 2004 ha individuato, all’allegato 2, un elenco di farmaci facenti parte il PHT “Prontuario della distribuzione diretta” che possono essere oggetto di forme alternative di distribuzione in grado di garantire uno specifico monitoraggio dei consumi e la presa in carico e la continuità assistenziale Ospedale — Territorio;
che le Parti Firmatarie confermano e ribadiscono il ruolo insostituibile delle Farmacie pubbliche e private Convenzionate per la professionalità che contraddistingue i loro operatori e per l’integrazione che hanno con la popolazione al fine di rendere più fruibili, ma anche più economiche, alcune prestazioni erogate dal SSR, sia nella dispensazione dei farmaci sul territorio che nell’erogazione agli assistiti di una ampia gamma di servizi volti a migliorare l’efficacia e la qualità dello stesso Servizio sanitario Regionale;
che con la D.G.R. del 14 luglio 2006, n, 425, è stato ratificato l’Accordo per la distribuzione tramite le farmacie convenzionate di farmaci di cui al PHT “Prontuario della Distribuzione Diretta” (Determinazione AIFA del 29 ottobre 2004 S.O. n. 162 alla G.U. N. 259 del 4 novembre 2004.) stipulato tra la Regione Lazio, Federfarma Lazio, Farmacie Comunali e Farmacap in data 2 maggio 2006, avente carattere sperimentale e che oggi, in virtù degli ottimi risultati raggiunti, appare opportuno riconfermare, ridefinendone alcuni aspetti anche al fine del contenimento della spesa, l’accordo della distribuzione in nome e per conto;
che in data 22 maggio 2007 il Consiglio di Stato, Sei V, ha emesso l’ordinanza n. 2677 a fronte del ricorso n. 2235/2007 avverso le modalità di distribuzione dei farmaci contenenti i fattori della coagulazione per La cura dell’emofilia di cui alla D.G.R. del 14 luglio 2006, n. 425;
che, in virtù della ratifica del presente accordo, trascorsi i 60 giorni previsti per lo smaltimento scorte, è abrogata la delibera n. 171 del 21 marzo 2008 concernente la distribuzione in forma sperimentale e provvisoria a domicilio dei fattori della coagulazione per il tramite delle aziende ASL.
Preso atto che:
— le parti firmatarie del presente accordo intendono dare attuazione al citato disposto dell’articolo 8, lettera a) della legge 405/01 ed addivenire ad una soluzione che contribuisca al raggiungimento dell’obiettivo di contenimento della spesa farmaceutica;
— la collaborazione delle Farmacie convenzionate consente di non intaccare i livelli di assistenza garantiti ai cittadini in quanto le Farmacie pubbliche e private garantiscono:
- la qualifica professionale degli operatori addetti alla dispensazione del farmaco;
- la continuità e la capillarità del servizio farmaceutico, anche attraverso i turni di servizio stabiliti nel contesto della normativa statale e regionale;
- la conservazione e la dispensazione di medicinali sul territorio fiel rispetto della normativa vigente;
- un’effettiva attività di farmacovigilanza, anche in termini di documentazione delle prestazioni erogate.
Si conviene e si stipula quanto segue:
le premesse ed ogni altra considerazione suesposta fanno parte integrante del presente accordo il cui obiettivo è quello di contribuire a mantenere, unitamente agli altri strumenti attivati dalla Regione, la spesa farmaceutica nell’ambito del tetto di spesa.

1 - la Regione Lazio si impegna a:
a) acquistare le specialità medicinali, comprese nel PHT “Prontuario della distribuzione diretta” di cui alla determinazione AIFA del 29 ottobre 2004, di cui:
all’Allegato 1 al presente accordo.
L’allegato 1 comprende i farmaci già inclusi nell’allegato 1 della DGR 918 del 21 novembre 2007, a cui si aggiungono i farmaci contenenti i fattori della coagulazione del sangue (ATC B02BD) e i farmaci contenenti l’ormone somatotropo (ATC H01AC), in precedenza ricompresi nell’allegato 2 DGR 918 del 21 novembre 2007.
Al fine di consentire lo smaltimento delle scorte presso le ASL e le farmacie convenzionate, per i soli farmaci contenenti i fattori della coagulazione del sangue (ATC B02BD) e i farmaci contenenti l’ormone somatotropo (ATC H01AC), è ammessa la duplice via di distribuzione sino al 28 febbraio 2009.
La Regione garantisce la consegna delle specialità medicinali, di cui all’allegato i del presente accordo, presso le farmacie convenzionate della Regione per il tramite dei distributori intermedi autorizzati dalla Regione Lazio ai sensi del Decreto legislativo 538/92, firmatari del regolamento attuativo allegato al presente accordo, di cui fa parte integrante. Le specialità medicinali acquistate dovranno essere dotate di fustello adesivo annullato con dicitura “Confezione Ospedaliera”, al fine di renderle facilmente distinguibili dalle confezioni in normale distribuzione.
I farmaci in questione rimangono di esclusiva proprietà della Azienda USL acquirente alla quale dovranno essere pertanto restituiti, sia da parte delle farmacie che dei distributori intermedi, in caso di ritiro dal commercio o in prossimità della scadenza dei lotti presenti in giacenza, ovvero, in caso di cessazione degli effetti del presente accordo;

b) limitare la distribuzione in forma diretta, ai soli farmaci presenti nell’Allegato 2 al presente accordo, anche essi compresi nel PHT. Tale limitazione non si applica alle forme di assistenza previste dall’articolo 8 comma 1, lettere b) e c) della legge 405/01 limitatamente al quantitativo necessario ad un primo ciclo di terapia, e comunque non superiore ad una sola confezione di specialità medicinali, e comunque in quantità tale da garantire 7 giorni di terapia.

c) inserire negli allegati di appartenenza eventuali nuovi farmaci del PHT che presentino ATC identico fino al 5° livello (stesso sottogruppo terapeutico- chimico); l’inserimento nell’allegato i di tali farmaci deve in ogni caso prevedere 60 giorni per lo smaltimento delle scorte, qualora il farmaco sia già presente nel normale cielo distributivo. Per la valutazione dell’esistenza nel cielo distributivo fa fede la reperibilità del farmaco presso i due depositi capofila;

d) ...omissis...
Tali remunerazioni, alle quali non si applicano gli sconti previsti dalla legge 662/96 e successive modificazioni e/o integrazioni, sono comprensive anche della remunerazione che le farmacie dovranno riconoscere ai distributori intermedi. Gli importi relativi alla remunerazione delle farmacie saranno corrisposti al netto delle eventuali quote di compartecipazione, ove previste in base alle tipologie di esenzione indicate sulle ricette. Tali quote di partecipazione saranno trattenute dalle farmacie a titolo di acconto sulle proprie competenze così come definite dal presente. Gli importi suddetti saranno inseriti, con separata evidenza, dalle farmacie nell’ambito della Distinta contabile riepilogativa prevista dal DPR 37 1/98 e liquidati secondo le procedure in atto. La Regione Lazio, nel caso in cui il pagamento avvenga con un ritardo inferiore a 90 giorni rispetto al termine convenzionale riconoscerà alle farmacie interessi moratori pari al tasso di riferimento della Banca centrale europea. Nel caso in cui il mancato pagamento si protragga oltre il 90° giorno saranno dovuti alle Farmacie interessi moratori nella misura prevista dal D.L.vo 231/2002,. Un ritardo nei pagamenti alle farmacie superiore a 6 mesi comporterà la risoluzione del presente accordo ai sensi dell’articolo 1456 del Codice Civile, fermo restando l’obbligo per la Regione di corrispondere gli interessi per ritardato pagamento maturati sino al giorno di effettiva corresponsione delle competenze spettanti alle farmacie;
d) informare opportunamente medici di base, pediatri di libera scelta, centri abilitati alla prescrizione ed ogni altra struttura pubblica o categoria interessata alla presente convenzione sui contenuti e sulle modalità di attuazione della stessa;

e) disporre che i medici prescrittori formulino le ricette riguardanti le specialità medicinali oggetto del presente accordo distinte dalle prescrizioni di altre eventuali specialità, riportando la dicitura “D.P.” ben evidente.
Per quanto riguarda, in particolare, la prescrizione di eparine a basso peso molecolare, i medici dovranno riportare sulla ricetta la dicitura “D.P.” solo nell’ipotesi in cui la prescrizione sia effettuata a seguito di intervento ortopedico maggiore. In tutti gli altri casi la prescrizione e la dispensazione delle eparine a basso peso molecolare avverrà alle condizioni e secondo quanto previsto dalla Convenzione nazionale (DPR 37 1/98). Per quanto riguarda i farmaci antipsicotici atipici e i fattori della coagulazione del sangue, limitatamente a 2 confezioni, i medici preserittori dovranno apporre sulla ricetta la dicitura URGENTE nel caso in cui ritengano che il paziente abbia effettiva urgenza del farmaco, in tale circostanza la prescrizione e la dispensazione avverrà alle condizioni e secondo quanto previsto dalla Convenzione nazionale (DPR 37 1/98); in tutti gli altri casi la ricetta dovrà presentare la dicitura “D.P.”;

f) far condividere, sottoscrivere ed applicare il presente accordo ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie;

g) attuare entro il 30 aprile 2009, sulla base dell’accordo già stipulato, i cui contenuti saranno comunque oggetto di revisione, la distribuzione esclusiva di ausili e presidi per diabetici con l’intento di rendere omogenea tale modalità di distribuzione su tutto il territorio regionale per il tramite delle farmacie convenzionate;

h) fornire alle organizzazioni delle farmacie pubbliche e private firmatarie del presente accordo i dati analitici per MC, suddivisi per ASL, relativi alla spesa farmaceutica territoriale, della distribuzione diretta che rientrano nel tetto del 14% di cui all’art. 5 DL 159/2007 convertito nella legge 222/2007;

i) erogare a fine gennaio —febbraio 2009 gli interessi di ritardato pagamento dei crediti delle farmacie per forniture maturate sino al dicembre 2004, salvo quanto già oggetto di transazione;

j) la verifica semestrale della corretta applicazione dell’accordo tra le parti.

2 - Le farmacie pubbliche e private aperte al pubblico nel territorio della Regione Lazio si impegnano a:
a) verificare che le ricette a loro presentate appartengano all’ambito di applicazione del presente accordo in quanto redatte su ricettario SSN e contenenti tutti gli elementi previsti dalla normativa nazionale e regionale sulla corretta compilazione delle ricette compreso quanto previsto al precedente punto 1 e);

b) richiedere ai distributori intermedi i farmaci prescritti nella quantità necessaria alla spedizione delle ricette presentate in farmacia;

c) apporre sulla ricetta i tùstelli ottici presenti sulle confezioni degli stessi e rendere disponibile entro le 24 ore lavorative i farmaci all’utente richiedendo, in base all’esenzione riportata sulla ricetta, l’eventuale relativa quota di compartecipazione; non si applicano ai prodotti oggetto del presente accordo i commi 3 e 4 della legge 405/2001 (sostituzione con prodotto a prezzo di riferimento e differenza da prezzo di rimborso), fatta salva la norma di salvaguardia nel caso eventuali carenze nel ciclo produttivo;

d) inserire, con separata evidenza, gli importi di cui al precedente punto 1 c) nell’ambito della Distinta contabile riepilogativa prevista dal DPR 371/98. La distinta sarà presentata con le consuete modalità;

e) in caso di irreperibilità, opportunamente documentata, del farmaco acquistato direttamente dalla ASL, presso i distributori intermedi, il farmacista è autorizzato a consegnare il prodotto reperibile nel normale ciclo distributivo, contabilizzando la ricetta, unitamente alle altre, alle condizioni previste dalla Convenzione Nazionale (DPR 371/98). Il titolo avente valore documentale sarà indicato dalla Regione;

f) restituire le confezioni richieste e non ritirate dall’assistito alla scadenza di validità della relativa prescrizione.

3 - Commissione Mista
Le Parti Firmatarie istituiscono due Commissioni misti comprendenti ciascuna sei componenti di cui tre in rappresentanza della Regione, di cui una in rappresentanza della ASL capofila, due in rappresentanza della Federfarma Lazio ed uno in rappresentanza delle Farmacie Comunali.
I compiti della prima Commissione sono i seguenti:
A. vigilare sulla operatività dell’accordo e sulla qualità del servizio erogato agli assistiti, segnalando agli organi competenti eventuali comportamenti anomali;
B. effettuare un costante monitoraggio della spesa farmaceutica convenzionata e della spesa relativa ai farmaci oggetto del presente accordo;
C. proporre alle parti firmatarie azioni correttive per la risoluzione di eventuali controversie tra le parti o problemi riscontrati nell’attuazione del presente accordo.
D. verificare la possibilità di inserimento di ulteriori molecole nell’allegato 1 del presente accordo; per il raggiungimento di un obiettivo condiviso di risparmio e di controllo, ovvero verificare l’esclusione, dallo stesso allegato 1, di molecole per cui sia venuto meno tale obiettivo di risparmio e di controllo;
I compiti della seconda Commissione sono i seguenti:
E. prendere in esame le eventuali rettifiche scaturenti a qualsiasi titolo dalla non corretta applicazione del presente accordo,

4 - Durata e Condizioni
Il presente accordo ha validità a partire dalla data di recepimento con decreto del Presidente in qualità di commissario ad acta dello stesso e fino al 31 dicembre 2011.
Pur ribadendo che la farmacia non ha responsabilità alcuna nella determinazione della spesa farmaceutica, con la sottoscrizione del presente accordo le parti intendono assolto l’onere di individuare forme di corresponsabilizzazione dei principali soggetti che concorrono alla determinazione della spesa di cui all’art. 4, eomma 3, lettera a) della legge 405/2001.
Le eventuali rettifiche scaturenti, a qualsiasi titolo, dalla non corretta applicazione del presente accordo, saranno esaminate dall’apposita commissione istituita dal punto 3 del presente accordo.
Per tutto quanto non previsto si rimanda alle disposizioni nazionali e regionali vigenti in materia.
In caso di emanazione di norme legislative o regolamentari nonché di provvedimenti amministrativi, sia nazionali che regionali, incidenti sul contenuto dell’accordo, lo stesso dovrà essere opportunamente modificato ed integrato.
Nella ipotesi in cui i contenuti del presente accordo, congiuntamente alle ulteriori misure di contenimento della spesa poste in essere dalla Regione Lazio, ovvero ad altri provvedimenti nazionali consentano di ricondurre la spesa farmaceutica convenzionata entro i limiti di cui alla vigente normativa, la regione Lazio si impegna a ricondurre gradualmente i medicinali oggetto del presente accordo, nell’ambito del normale ciclo distributivo secondo quanto previsto dal DPR  371198.
Nel caso in cui venga sistematicamente disatteso l’accordo, dopo attenta analisi dei dati forniti secondo il punto 1 comma h del presente accordo, per quanto concerne la distribuzione diretta dei farmaci, le parti possono addivenire alla rescissione dell’accordo.

Roma 23 dicembre 2008
Per la Regione Lazio Magrini
Per le Farmacie Comunali Labarile
Per Federfarma Lazio Caprino
Per Farmacap Orgera
Allegati:
Allegato 1: elenco dei farmaci oggetto della distribuzione per conto.
Allegato 2: elenco dei farmaci in distribuzione diretta da parte delle strutture pubbliche.

ALLEGATO N. 1

ATC     DESCRIZIONE
A10AE04     INSULINA GLARGINE
A10AE05     INSULINA DETEMIR
B01AB04     DALTEPARINA
B01AB05     ENOXAPAR1NA
B01AB06     NADROPARINA
B01AB07     PARNAPARINA
B01AB08     REVIPARINA
B01AB12     BEMIPARINA
B02BD02     FATTORE VIII COAGULAZIONE
B02BD03     COMPLESSO PROTROMBINICO ANTIEMOFILICO UMANO ATTIVATO
B02BD04     FATTORE IX COAGULAZIONE
B02BD05     FATTORE VII COAGULAZIONE
B02BD06     FATTORE VIII COAGULAZIONE+FATTORE VON WILLEBRAND
B02BD09     NONACOG ALFA
G03GA02     MENOTROPINA
G03GA04     UROFOLLITROPINA
G03GA05     FOLLITROPINA ALFA
G03GA06     FOLLITROPINA BETA
G03GA07     LUTROPINA ALFA
H0IAC01     SOMATOTROPINA
H01CB02     OCTREOTIDE
H01CB03     LANREOTIDE
J05AB11     VALACICLOVIR
J05AF05     LAMIVUD1NA
L02AE01     BUSERELINA
L02AE02     LEUPRORELINA
L02AE03     GOSERELINA
L02AE04     TRIPTORELINA
L02BB03     BICALUTAMIDE
L03AR01     INTERFERONE ALFA
L03AB04     INTERFERONE ALFA-2°
L03AB05     INTERFERONE ALFA-2B
L03AB09     INTERFERONE ALFACON-1
L03AB10    INTERFERONE ALFA-2B Pegilato
L03AB11     INTERFERONE ALFA-2° Pegilato
L04AA05     TACROLIMUS
N05AH02     CLOZAP1NA
N05AH03     OLANZAPINA
N05AH04     QUETIAPINA
N05AX08     RISPERIDONE
N05AX12     ARIPIPRAZOLO

ALLEGATO N. 2

ATC     DESCRIZIONE
V03AE02     SEVELAMER
V03AC01     DEFEROXAMINA
R05CB13     DORNASE ALFA (DESOSSIRIBONUCLEASI)
B03XA02     DARBEPOETINA ALFA
B03XA0 i     ERITROPOIETINA
J05AB06     VALGANCICLOVIR


REGIONE LAZIO
DIPARTIMENTO SOCIALE
Prot. 13446 Roma, li 3 febbraio 2009

Vari destinatari [omessi]

Oggetto:
Nota applicativa del Decreto del Presidente in qualità di Commissario ad Acta n. U0002 del 14/01/2009.

Facendo seguito al Decreto del Commissario ad Acta n. U0002 del 14 gennaio 2009 avente per oggetto la “Ratifica Nuovo Accordo per la distribuzione tramite le farmacie convenzionate di farmaci di cui al PHT –Prontuario della distribuzione diretta-(Determinazione AIFA del 29 ottobre 2004 e successive modifiche ed integrazioni), stipulato tra Regione Lazio, Federfarma Lazio e le Farmacie comunali” si ritiene opportuno emanare nota esplicativa che riguarda i seguenti punti salienti dell’accordo:
Come già precedentemente esplicitato nelle note prot. 139938 del 27/11/2008, per quel che riguarda i farmaci contenuti nell’allegato I, distribuiti con la modalità Distribuzione in Nome e Per Conto (DPC), non è prevista la possibilità di sostituzione, fatti salvi i casi di carenza, documentata dalla capofila ASL RMA, nel circuito distributivo;  [la possibilità di sostituzione viene invece esplicitamente prevista, in caso di indisponibilità di un medicinale a base di bicalutamide, clozapina o risperidone, al punto 13 del nuovo Regolamento Attuativo dell'Accordo 2011, ndr]
•    a partire dal rinnovo dell’accordo, così come previsto dalla nota prot. N. 139938 del 27/11/2008 avente per oggetto “Procedure applicative del Decreto Commissariale U0045 del 17 novembre 2008 recante “Integrazioni e modifiche al decreto del Presidente in qualità di commissario ad Acta n. 24 del 10 settembre 2008 “Attuazione punto 20 deliberazione del Consiglio dei ministri dell’11 luglio 2008 – intervento 2.3.8 Misure per il contenimento della spesa farmaceutica del Piano di Rientro”, anche ai farmaci in DPC è applicata la compartecipazione alla spesa con le modalità specificate nel Decreto Commissariale U0045 del 17 novembre 2008 e successive note applicative. Sono pertanto esentati dalla compartecipazione i farmaci non coperti da brevetto ed inseriti nella lista dei farmaci con prezzo di riferimento della Regione. Il numero di confezioni massime esitabili per i farmaci in DPC è quello previsto dalla normativa regionale vigente in materia di esenzioni. Per gli interferoni, per i quali è prevista la pluriprescrivibilità, in caso di esenzione per patologia, la quota di compartecipazione applicata è di € 1 a confezione, come previsto per gli altri farmaci pluriprescrivibili;
le ricette contenenti i farmaci in DPC andranno inserite nella fascia di appartenenza DP che al suo interno avrà quindi varie tipologie di ricette in funzione della compartecipazione alla spesa;
•    in caso di prodotto mancante nel circuito DPC, la ricetta con allegata la stampa di notifica “mancante”, generata dal sistema web-dpc, che è documento indispensabile per il rimborso SSR, andrà inserita nella fascia di appartenenza di competenza in coda alle altre ricette per facilitare i controlli.
Si ricorda che, come già espresso in precedenti note, qualora risulti mancante una confezione su due del medesimo prodotto il farmacista dovrà esitare l’unica confezione disponibile in DPC; nel caso in cui, invece, sulla stessa ricetta siano prescritti due prodotti diversi, entrambi in DPC, di cui uno mancante, il farmacista potrà consegnare all’assistito entrambi i prodotti secondo la modalità convenzionata, allegando il foglio di notifica mancante per il solo prodotto mancante;
Per gli antipsicotici atipici, qualora il medico indichi la necessità dell’immediata reperibilità del prodotto apponendo la dicitura “URGENTE” sulla ricetta, questa andrà inserita nella fascia di appartenenza di competenza, sempre in coda. Nel caso della dicitura urgente il numero massimo di confezioni dispensabili è pari a 2 [1 solo pezzo dal 2 maggio 2011 per gli antipsicotici atipici secondo il nuovo Accordo 2011, ndr], qualunque sia il codice di esenzione eventualmente riportato;
Con il nuovo accordo sono stati inseriti due nuovi ATC nell’Allegato 1. Il primo è l’ATC B02BD (fattori della coagulazione del sangue), per il quale vigeva il sistema di duplice via. In considerazione della caratteristica dei farmaci in questione è stata prevista la medesima norma di salvaguardia applicata agli antipsicotici atipici, con la dichiarazione di farmaco “URGENTE” apposta dal medico prescrittore sulla ricetta. Tale deroga è comunque limitata a due sole confezioni per paziente, così come previsto per l’altra classe di farmaci [con il nuovo Accordo 2011 l'urgenza degli antipsicotici limita ad una sola confezione, ndr]. Il posizionamento di queste ricette nella fascia di appartenenza segue lo stesso trattamento indicato per gli antipsicotici, come al punto precedente. Il secondo è l’ATC H01AC01 (ormone somatotropo), in precedenza distribuito direttamente dai servizi farmaceutici territoriali delle ASL. I farmaci con questo ATC necessitano di attento monitoraggio. Per mantenere l’alto livello di controllo nel passaggio alla distribuzione in nome e per conto, si stabilisce che, nelle more dell’istituzione di un database regionale che raccolga, aggiorni, e controlli i piani terapeutici necessari alla prescrizione del farmaco e che consenta di abbinare informaticamente il piano terapeutico dell’utente alla ricetta presentata in farmacia, le farmacie allegheranno alla ricetta fotocopia del piano terapeutico, avendo cura di verificare la corretta compilazione e il termine di validità. I medici di medicina generale saranno coinvolti nelle procedure di controllo dei piani terapeutici. I servizi farmaceutici delle ASL dovranno vistare per presa visione la copia del piano terapeutico di pertinenza del paziente, ed inviarne una copia in Regione;
il termine ultimo per lo smaltimento delle scorte dei due nuovi ATC, sia quelle in giacenza presso i servizi farmaceutici delle ASL che quelli in giacenza presso le farmacie convenzionate, è fissato al 28 febbraio, così come stabilito al punto 1) lettera a) dell’accordo siglato;
gli eventuali nuovi farmaci recanti stesso ATC fino al V° livello, saranno automaticamente inseriti nella due liste previste dagli allegati 1 e 2; solo in caso di documentata presenza di scorte dei nuovi farmaci presso i distributori intermedi, si applicheranno 60 giorni di smaltimento;
si allega inoltre copia della DCR modificata a seguito dell’inserimento nel rigo 19 bis dei campi relativi al ticket riscosso e delle rettifiche eventualmente generate.

Il dirigente
Dr. Guido Magrini
[copia della DCR omessa]


Regione Lazio
Dipartimento Sociale
Direzione Regionale Programmazione Sanitaria - Risorse Umane e Sanitarie
Area Politiche del farmaco
Prot. n. 71339 D4/54/03
Roma, 04/06/2010

vari destinatari
Oggetto: Prescrizione ed erogazione farmaci emofilia ATC BO2BD

A seguito delle criticità evidenziate in Commissione Appropriatezza prescrittiva regionale, relativamente alla prescrizione in DPC dei fattori della coagulazione, si ritiene opportuno comunicare quanto segue:
Il dirigente dell’Area Lorella Lombardozzi
Il direttore Regionale Paolo Artico