Regione Lazio
DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE
DIREZIONE GENERALE PROGRAMM. E RISORSE DEL SERV. SANITARIO REGIONALE
AREA POLITICA DEL FARMACO

DETERMINAZIONE n.B05078 del 6 agosto 2012 rettificata con Determinazione B05321 del 10-08-2012
Proposta n. 16196 del 03/08/2012

Oggetto:  Modifica alla determinazione 83248 del 20 aprile 2011

Davvero singolare è  il provvedimento adottato nei confronti di questo medicinale (rabeprazolo=Pariet), che lo pone al di fuori di tutte le regole che valgono per tutti gli altri medicinali.
E davvero singolare è anche l'interpretazione operativa fornita dalla Federfarma locale (alla quale si rimanda e si raccomanda di attenersi), che non sembra del tutto coerente col significato letterale del provvedimento (leggi il mio commento personale) e che pone qualche difficoltà pratica al farmacista nelle operazioni di dispensazione e contabilizzazione.


farfog

Richiesta dl pubblicazione sul BUR: NO
Proponente: Estensore ORZILLI ANNA; Responsabile del procedimento ORZILLI ANNA; Responsabile dell’Area L. LOMBARDOZZI; Direttore Regionale F. ROMANO; Direttore Dipartimento G. MAGRJNI


IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E RISORSE DEL SSR
SU PROPOSTA del responsabile dell’Area Politica del farmaco;
VISTA la Legge Regionale del 18 febbraio 2002 n.6 “Disciplina del sistema Organizzativo della Giunta e del Consiglio e disposizioni relative alla dirigenza ed al personale regionale“;
VISTO il Regolamento Regionale 6 settembre 2002 n.1 “Regolamento di organizzazione degli uffici e dei servizi della Giunta Regionale” e successive modifiche ed integrazioni “;
VISTA la Deliberazione di Giunta Regionale n. 124 del 27.02.2007 avente per oggetto; Piano di Rientro approvato dalla Giunta Regionale nella seduta del 12 febbraio 2007; misure applicative dell’obiettivo specifico 2.3 “Politica del Farmaco”;
VISTA la Deliberazione di Giunta Regionale n. 197 del 20.3.2007 avente ad oggetto: “Integrazione e modifica della DGR del 27febbraio 2007, n. 124 — inerente il Piano di Rientro approvato dalla Giunta Regionale nella seduta del 12.2.2007; prime misure applicative dell‘Obiettivo specifico 2.3 “Politica del Farmaco” e della DGR del 14 luglio 2006, n. 425”;
VISTA la Delibera di Giunta Regionale del 19ottobre2007. n.785 concernente “DGR o. 124 del 27 febbraio 2007 punto 8: aggiornamento dei prezzi di rimborso per i farmaci prescritti nel trattamento dell‘ulcera peptica e della malattia da reflusso gastroesofageo appartenenti alla categoria terapeutica omogenea denominata Inibitori della pompa acida atc A02BC”;
TENUTO CONTO che nel secondo capoverso della Delibera di cui al punto precedente si da mandato al Direttore delta Direzione Regionale Programmazione Sanitaria Politiche della Prevenzione e Sicurezza sul lavoro, attualmente rinominata Direzione Regionale Programmazione e Risorse SSR. di aggiornare, con proprio provvedimento, l’eventuale variazione dei prezzi massimi di rimborso per i medicinali prescritti nell’ulcera peptica e della malattia da reflusso gastroesofageo oggetto della DGR 785/2007;
VISTA la Determinazione del 17 maggio 2012 n.B2933 di “Modifica alla determinazione B3248 del 20aprile2012”;

CONSIDERATO che attualmente tra i medicinali utilizzati nel trattamento dell’ulcera peptica e della malattia da reflusso gastroesofageo appartenenti alla categoria terapeutica omogenea denominata Inibitori della pompa acida atc A02BC”, solamente il Rabeprazolo (atc A028C04) nelle confezioni da 14 cpr da 10 e 20 mg è ancora coperto da brevetto e che tale copertura brevettuale scadrà a novembre 2012;
CONSIDERATO che qualora il medico intenda prescrivere il medicinale Rabeprazolo nelle diverse confezioni disponibili a pazienti che rientrano nelle condizioni di esenzione indicate nel punto 8 della DGR 124 del 27 febbraio 2007 e successive Determinazioni applicative, il paziente sarebbe tenuto al pagamento di una quota di compartecipazione rispetto al prezzo massimo di rimborso pari a 5,93 € per la confezione da l4cpr/10mg e 11,77 € per la confezione da 1 4cpr/20mg;
RITENUTO di, in attesa della scadenza brevettuale del rabeprazolo, applicare una compartecipazione fissa di 4,00 € per entrambe le confezioni di rabeprazolo attualmente in commercio, anche nel caso in cui il medico apponga in calce alla ricetta il codice di vatorizzazione di cui alla DGR 124 de1 27 febbraio 2007 e successive Determinazioni applicative;

Per le motivazioni in premessa che si intendono integralmente accolte,
DETERMINA
Con la prescrizione del medicinale Rabeprazolo, appartenente alla categoria degli inibitori di pompa acida -PPI atc A02BC04 nelle confezioni da l4 cpr/l0mg e 14 cpr/20mg, nelle modalità indicate nella DGR 124 del 27 febbraio 2007 e successive determinazioni, è dovuta la compartecipazione da parte dell’assistito di una quota fissa per ciascuna confezione di 4,00€, in analogia a quanto stabilito dalla Regione Lazio per i farmaci erogati in convenzionata.
Il provvedimento sarà efficace dal giorno 1 settembre 2012 [così corretto con Determinazione B05321 del 10-8-2012, considerato che per mero errore materiale nella determinazione originale era stata indicata come data di efficacia del provvedimento il 16 agosto 2012, incompatibile con l’aggiornamento delle software house e l’informazione alle farmacie in quanto coincidente con il periodo di chiusura per ferie] e resterà in vigore fino alla scadenza brevettuale del Rabeprazolo.

La presente determinazione sarà trasmessa alle Aziende UU.SS.LL. alle associazioni di categoria, agli Ordini Professionali dei Farmacisti e dei Medici nonché alla Direzione Regionale Bilancio, Ragioneria, Finanza e Tributi del Dipartimento Programmazione Economica e Sociale e resa disponibile sul sito web della Regione Lazio all’indirizzo www.regionelazio.it nel link dedicato alla Sanità,

IL DIRETTORE REGIONALE
(prof Ferdinando Romano)


Commento personale.
Cosa avevo capito io della Determinazione?
Semplice (e facile da applicare): il rabeprazolo veniva ricondotto alle regole di tutti gli altri medicinali ancora soggetti a brevetto, come se non fosse un inibitore di pompa protonica (i PPI sono soggetti alla differenza di prezzo per categoria omogenea).
Infatti, le "modalità indicate nella DGR 124 del 27-02-2007" (punto 8) si riferiscono sia alla prescrizione senza letterine che a quella appropriata con letterine, per entrambe le quali nella determina in discussione si stabilisce che "è dovuta la COMPARTECIPAZIONE della quota fissa di 4 euro (salvo esenzioni) in analogia a quanto stabilito per i farmaci erogati in convenzione (sono tutti in convenzione ma evidentemente ci si riferisce a quelli ancora tutelati dal brevetto, per i quali il termine "compartecipazione" ha un preciso significato per differenziare tale quota fissa dalla differenza col prezzo di riferimento). A conferma, è ben chiara la frase dell'ultimo periodo delle premesse, in cui si esplicitano le finalità del provvedimento: si determina Ritenuto di applicare la compartecipazione fissa di 4€ anche nel caso in cui il medico apponga le letterine (e credo che nessuno possa avere dubbi sul significato letterale del termine anche) !!
farfog