La Tessera Sanitaria per i cittadini del Lazio.
Ottobre 2005 - Sta arrivando per posta a casa ad oltre 5 milioni di cittadini del Lazio la nuova Tessera Sanitaria (TS).
La Tessera Sanitaria è un documento sanitario ed anagrafico con banda magnetica e codice a barre per la lettura automatica: sostituisce il tesserino del codice fiscale e permetterà di controllare la spesa sanitaria. 
La Tessera Sanitaria è valida sull'intero territorio nazionale e permette di ottenere prestazioni sanitarie anche nei Paesi dell'Unione europea, in sostituzione dei modelli cartacei.
La Tessera Sanitaria è utilizzabile anche dai non vedenti, grazie ai caratteri braille in rilievo.

PERCHE' RECARSI IN FARMACIA SEMPRE CON LA TESSERA SANITARIA


Tessera sanitaria, codice fiscale e detrazione delle spese mediche
Tessera sanitaria e assistenza farmaceutica del servizio sanitario nazionale
Cosa fare se non si ha la tessera sanitaria
Come utilizzare la tessera sanitaria (si può fotocopiare)


Gennaio 2008 - Sale alla ribalta la Tessera Sanitaria, viene sempre richiesta in farmacia.

DETRAZIONE DELLE SPESE SANITARIE (argomenti correlati: lo scontrino parlante)
1) in seguito alle nuove disposizioni fiscali, la detrazione delle spese sanitarie dalla dichiarazione dei redditi è possibile solo se documentata mediante la fattura o, equiparato alla fattura, lo scontrino parlante.
Per l'emissione dello scontrino parlante, che l'acquirente deve richiedere esplicitamente al momento dell'acquisto prima dell'emissione del normale scontrino fiscale, è estremamente utile utilizzare la tessera sanitaria ed anzi è bene presentarsi in farmacia direttamente con la tessera sanitaria in mano consegnandola al farmacista insieme alle ricette, intendendosi in questo modo esplicitata la richiesta dello scontrino parlante.
Lo scontrino parlante è uno speciale scontrino fiscale che contiene (parlante cioè che dichiara) l'indicazione della natura, qualità e quantità della merce acquistata (esatta individuazione del prodotto acquistato e indicazione della categoria, cioè se è un farmaco o altro prodotto detraibile oppure no), ed in più il codice fiscale dell'acquirente.
Per facilitare l'operazione di acquisizione del codice fiscale e allo stesso tempo non commettere errori, risulta utile utilizzare la banda ottica presente sulla tessera sanitaria. Solo così il farmacista potrà acquisire il codice fiscale con rapidità e farlo comparire immediatamente sullo scontrino, che in questo modo diventa "parlante" e consente la detrazione fiscale.
La detrazione dalla dichiarazione dei redditi delle spese sanitarie è una detrazione di imposta del 19% al netto della franchigia di 129,11 euro, e riguarda tutti i medicinali (eventualmente accompagnati da ricetta medica ove richiesta) compresi quelli omeopatici e veterinari.
Prodotti diversi (ad es dermocosmetici, integratori dietetici o alimentari etc) anche se prescritti con ricetta medica
non sono detraibili (leggi le risoluzioni dell'Agenzia delle Entrate,  la 256/E del 20 giugno 2008 e la 396/E del 22 ottobre 08).

MONITORAGGIO DELLA SPESA FARMACEUTICA DEL SSN
2) è prevista l'utilizzazione della tessera sanitaria al momento della spedizione delle ricette del Servizio Sanitario Nazionale, per il monitoraggio della spesa nel settore sanitario e di appropriatezza delle prescrizioni sanitarie, secondo l'articolo 50 del Decreto Legge 269/03, convertito nella Legge 326/03.
La Tessera Sanitaria infatti, appositamente creata allo scopo, è l'unico strumento che garantisce la corretta acquisizione del corretto codice fiscale, verificato a priori con il confronto delle diverse banche dati ufficiali (Ministero delle Finanze, Anagrafe e Unità sanitarie locali).
Tutti i codici fiscali che non sono stati acquisiti dal farmacista mediante la tessera sanitaria (ad esempio, copiati da quello segnato sulla ricetta dal medico, oppure dettati dal cliente o "calcolati" mediante apposita funzione a partire da nome, data e luogo di nascita), sono consoderati potenzialmente errati e da individuare, nella comunicazione al Ministero, come codici fiscali "difformi"

FEDERFARMA
federazione nazionale unitaria
dei titolari di farmacia italiani

COMUNICATO STAMPA 3 gennaio 2008
   IN FARMACIA: MEGLIO CON LA TESSERA SANITARIA
 Dal 1° gennaio 2008 è in vigore la norma che consente di detrarre dalla dichiarazione dei redditi le spese sostenute per l’acquisto di medicinali solo se risultino certificate da scontrino fiscale “parlante”, vale a dire contenente il nome del farmaco acquistato e l’indicazione del codice fiscale del destinatario.
Per assicurare un servizio più celere e più preciso, Federfarma invita i cittadini a portare sempre con sé, quando si recano in farmacia, la tessera sanitaria del destinatario dei medicinali, in modo da consentire al farmacista di emettere rapidamente lo scontrino completo di tutti i dati necessari ai fini fiscali.
Per coloro i quali non avessero ancora ricevuto la tessera sanitaria, ovvero l’avessero smarrita, è possibile contattare il numero verde 800 030 070 istituito a tal fine dall’Agenzia delle entrate.

COSA DEVE FARE CHI NON HA LA TESSERA SANITARIA?

Niente paura!
1) per le detrazioni fiscali, chi non ha la tessera sanitaria può ugualmente richiedere lo scontrino parlante, dettando il codice fiscale al farmacista.
2) per le medicine a carico del servizio sanitario nazionale, viene garantita l'assistenza sanitaria ma il farmacista dovrà imputare il codice fiscale indicato dal medico sulla ricetta dichiarandolo come "difforme".

Come richiedere la Tessera Sanitaria (perchè non si è ricevuta o perchè si è smarrita)
COME UTILIZZARE LA TESSERA SANITARIA.
Ormai l'avete capito: la tessera sanitaria serve per acquisire rapidamente e senza errori il codice fiscale, da parte del farmacista, mediante il codice a barre presente sul retro.
E ci vuole la tessera sanitaria per ciascun intestatario di ogni ricetta del servizio sanitario e per ciascun cliente che chiede lo scontrino parlante.
A questo punto un suggerimento: potete tenere a portata di mano anche solo la fotocopia del retro della tessera sanitaria.
Oltre ai dati in chiaro infatti è presente il codice a barre che permette l'acquisizione rapida e precisa del codice fiscale.
Fate solo attenzione che la fotocopia sia nitida e precisa, cioè che il codice a barre sia perfettamente leggibile (dai lettori ottici, naturalmente) e potrete così avere a portata di mano, tramite la copia (che per l'uso fa lo stesso) la tessera sanitaria di tutti i familiari o amici e parenti per i quali vi recate in farmacia.

Ultimo aggiornamento giugno 2008
Farfog