Doping.
Che cos'è il doping (divulgazione)
Strumenti, aggiornamenti e ricerca
Approfondimenti normativi


Attività sportiva e doping.
 L’attività sportiva è diretta alla promozione della salute individuale e collettiva e deve essere informata al rispetto dei principi etici e dei valori educativi più nobili.

Cos'è il DOPING.
         Costituiscono doping l’assunzione (o la somministrazione) di farmaci o sostanze attive, e l’adozione di pratiche mediche non giustificate da condizioni patologiche, idonee a modificare le condizioni psicofisiche o biologiche dell’organismo al fine di alterare le prestazioni agonistiche degli atleti.
         La pratica del doping, oltre ad alterare il rapporto di competizione nelle gare, il più delle volte mette in pericolo l’integrità psicofisica degli atleti.



        Il doping è un reato penale, punito fino a tre anni di reclusione (che possono diventare di più se insorgono danni effettivi per la salute), se ad essere indotto ad assumere sostanze vietate per doping è un minorenne o se, a distribuire le sostanze, è un dipendente del CONI. Solo in presenza di condizioni patologiche dell´atleta documentate e certificate da un medico e verificata l´assenza di pericoli per la salute, è consentito un trattamento specifico con sostanze vietate per doping e la possibilità di partecipare ugualmente alle competizione sportiva. Ma anche in questo caso il trattamento deve rispondere a specifiche esigenze terapeutiche e la documentazione deve essere conservata e tenuta sempre a disposizione dall´atleta. Il controllo anti-doping vero e proprio sulle competizioni e sulle attività sportive spetta ad alcuni laboratori accreditati dal Comitato Internazionale Olimpico (CIO).
La lista delle sostanze biologicamente e farmacologicamente attive che circolano negli spogliatoi e nelle palestre è molto lunga.
Si possono raggruppare in tre categorie principali:
i farmaci non vietati per doping, ma utilizzati per scopi diversi da quelli autorizzati,
i farmaci vietati per doping
gli integratori, ovvero i prodotti salutistici, vale a dire tutti quei prodotti che servono a reintegrare eventuali perdite di macro e micronutrienti (sali, aminoacidi, vitamine).
Per quanto riguarda l´impiego di farmaci al di fuori delle indicazioni per le quali sono stati sintetizzati, è opportuno ricordare che la loro somministrazione a persone non malate è sempre pericolosa in quanto priva di finalità terapeutica, scopo fondamentale di un medicamento. Tra i farmaci più usati gli antinfiammatori non steroidei, gli integratori e i prodotti erboristici o omeopatici. Come effetti negativi possibilie comparsa di gravi reazioni avverse.

Tra i farmaci vietati per doping, la Eritropoietina (EPO) e i suoi derivati, gli anabolizzanti e gli stimolanti.

La EPO è una glicoproteina prodotta dal rene che agisce stimolando la proliferazione e la maturazione di globuli rossi. Il suo uso in medicina è relativo al trattamento dell´anemia nei pazienti con insufficienza renale cronica.
Per questo motivo (ossia per la sua capacità di regolare la produzione dei globuli rossi e dunque di aumentare l´apporto di ossigeno nel sangue), è molto diffusa tra ciclisti e maratoneti, costretti a prestazioni atletiche di lunga durata. Il ricorso all´EPO comporta rischi non trascurabili per la salute dell'atleta, correlati all'aumento della viscosità del sangue e della pressione arteriosa, come ictus, trombosi e infarto del miocardio.

Nella pratica sportiva, l'utilizzo di steroidi anabolizzanti accresce lo sviluppo muscolare, potenziando la forza fisica e la resistenza allo sforzo. Gli effetti negativi includono tossicità a carico del fegato, degli apparati cardiovascolare e endocrino, sviluppo di tumori e disturbi psichiatrici.

Gli stimolanti (ad esempio amfetamine, cocaina, efedrina, pseudoefredina, caffeina) sono impiegati ad uso doping in quanto aumentano il livello di vigilanza, riducono il senso di fatica e possono aumentare l'agonismo e l'aggressività. Altri effetti negativi comprendono disturbi cardiovascolari fino ad aritmie anche mortali e veri e propri disturbi neurologici e psichiatrici.

Gli integratori alimentari vengono considerati come prodotti appartenenti all´area alimentare, a base di vitamine, minerali e altre sostanze di interesse nutrizionale e fisiologico. In ambito sportivo vengono spesso usati con la speranza di incrementare la massa muscolare, ridurre il grasso corporeo, aumentare la velocità, migliorare la resistenza ed avere un recupero più rapido. Sono facilmente reperibili in quanto presenti anche sugli scaffali dei supermercati.
Dal punto di vista legale, non essendo considerati farmaci, non sono sottoposti ad una rigorosa regolamentazione. Per quelli ad uso sportivo è prevista l´autorizzazione ministeriale, per altri la semplice notifica presso il Ministero, ma ve ne sono innumerevoli altri ancora, che vanno sotto il nome di prodotti salutistici (dai prodotti erboristici e dietetici a quelli omeopatici, dagli antiossidanti alle tavolette energetiche).

I metodi proibiti
Le pratiche di doping più diffuse sono il doping ematico e le manipolazioni chimiche e fisiche dei campioni di urina.

Nel primo caso, all´atleta vengono somministrati, per via endovenosa, sostanze di sintesi correlate all´EPO che migliorano il trasporto di ossigeno nel sangue.
Un´altra pratica è quella dell´autotrasfusione: l´atleta cioè, si sottopone a un prelievo di sangue, che, dopo essere stato adeguatamente conservato e non appena i globuli rossi sono tornati a livello normale, gli viene trasfuso nuovamente, ottenendo così un incremento del numero dei globuli rossi.
I rischi connessi al doping ematico includono reazioni allergiche, possibile trasmissione di malattie infettive, sovraccarico del sistema circolatorio e shock metabolico.

Per manipolazione farmacologica, chimica o fisica quale metodo doping si intende "l´uso di sostanze e di metodi in grado di alterare l'integrità e la validità dei campioni di urine utilizzati per i controlli antidoping".
Le manipolazioni vanno dallo scambio dei campioni d´urina alla diluizione con altri liquidi, fino all´inserimento nella vescica, tramite catetere, dell´urina altrui. Possono inoltre essere usati i diuretici chiamati non a caso mascheranti, perché in grado di eliminare più velocemente, favorendo la diuresi, le sostanze proibite rintracciabili ai test antidoping. Inoltre, la prima cosa che si esamina nei campioni di urina è il pH, in quanto è possibile facilitare l´eliminazione di farmaci vietati alcalinizzando o acidificando l´urina; la seconda è la densità: un´urina con basso peso specifico, può indicare una manipolazione finalizzata ad abbassare la concentrazione di un farmaco al di sotto della soglia di rilevazione.

dal sito internet del Ministero della Salute, febbraio 2006.


Ultimi aggiornamenti:
Il Decreto per la trasmissione al Ministero dei dati relativi alle preparazioni magistrale delle farmacie.

Stampa promemoria (dai "Fogli di consultazione", con elenco dei pa)

Lista ufficiale delle sostanze, soggette alla trasmissione dei dati al Ministero sulle quantità impiegate nelle preparazioni in farmacia

Lista ufficiale di tutti i principi attivi e i medicinali in ordine alfabetico  (l'elenco dei medicinali autorizzati è da aggiornare in relazione al DM 6-10-06)

Elenco esteso di tutte le sostanze, compresi i sali e i sinonimi, elaborato da Promofarma-Federfarma
(Con asterisco sono indicati i principi attivi per i quali non sono presenti in Italia prodotti vendibili ed in commercio; in maiuscolo e nell'ordine alfabetico i singoli principi attivi vietati).



Approfondimenti normativi:
La Legge italiana sul doping (Legge 376/2000)
Modalità di attuazione della lotta contro il doping (DM 19-5-05)
Precisazioni del Ministero (rimandato l'obbligo della prima comunicazione)
DM 16-01-2004
DM 30-12-2004
DM 19-5-05 (GU 3-6-05)
DM 3-2-2006 (GU SO 14-2-06)
DM 10-3-06, che modifica il DM 19-5-05
DM 6-10-06 (aggiornamento dell'elenco dei medicinali vietati per doping)
DM 24-10-06 (GU 30-12-06): trasmissione dei dati delle farmacie al Ministero

Torna all'iniziofarfog