Oggetto: appropriatezza prescrittiva ed incremento dell’utilizzo dei farmaci di cui è scaduta la copertura brevettuale.

Testo dispositivo coordinato della DGR 1057 del 28-12-07 come modificata ed integrata dalla DGR 232 del 29-3-08.
pubblicate sul BURL Lazio del 7-5-08

La delibera non ha effetti per quanto riguarda il pagamento dei ticket in farmacia, ma costituisce solo una possibilità ed eventualmente una opportunità per il medico che prescrive a carico del SSN di non essere soggetto a monitoraggio da parte della Commissione Distrettuale.
L'applicazione della "letterina" riguarda esclusivamente le prescrizioni di medicinali ancora coperti da brevetto, mentre non si applica (o se presente non è pertinente e quindi priva di significato) alle prescrizioni di medicinali di cui è già scaduto il brevetto.
La delibera va in vigore il giorno 7 maggio 2008. Le FAQ e le spiegazioni dei medici FIMMG.

LA GIUNTA REGIONALE
DELIBERA
quanto segue:

1. Tutti i medici che prescrivono a carico del Servizio sanitario regionale medicinali coperti da brevetto appartenenti alle classi farmacologiche indicate nella tabella A, appresso riportata, che verrà aggiornata secondo le modalità indicate nella Determinazione Dirigenziale di cui al punto D del presente provvedimento, indicano volontariamente un codice di valorizzazione, attenendosi alle note AIFA e alle indicazioni autorizzate in scheda tecnica per assicurare l’appropriatezza nell’utilizzo delle risorse messe a disposizione dalla Regione.

tabella A
(in grassetto sono indicate le molecole di cui è scaduta la copertura brevettuale –equivalenti)

C07AB        Betabloccanti, selettivi,non associati
Atenololo        
Metoprololo        
Acebutololo        
Celiprololo        
Betaxololo        
Nebivololo        
Bisoprololo  
C08CA     Derivati diidropiridinici
Nifedipina    
Nicardipina    
Felodipina    
Manidipina    
Lercanidipina    
Barnidipina    
Nitrendipina    
Amlodipina besilato    
Isradipina    
Lacidipina    
Nisoldipina    
Nimodipina    
C09AA     ACE-inibitori, non associati
Enalapril        
Ramipril        
Captopril        
Quinapril        
Cilazapril        
Lisinopril        
Benazepril        
Delapril        
Spirapril        
Fosinopril        
Trandolapril        
Moexipril        
Zofenopril        
Perindopril    
C09BA ACE-inibitori e diuretici
Idroclorotiazide+captopril
Delapril+indapamide
Idroclorotiazide+quinapril
Cilazapril+idroclorotiazide
Idroclorotiazide+benazepril
Idroclorotiazide+zofenopril
Moexipril+idroclorotiazide
Idroclorotiazide+lisinopril
Ramipril+idroclorotiazide
Ramipril+piretanide
Idroclorotiazide+fosinopril
Idroclorotiazide+enalapril
Perindopril sale di tert-butilamina+indapamide

C10AA/C10BA  Inibitori della HMG Co redattasi / Inibitori della HMG Co reduttasi in associazione con altre sostanze modificatrici dei lipidi
Fluvastatina sale sodico
Simvastatina
Atorvastatina calcio triidrato
Rosuvastatina
Lovastatina
Pravastatina
Ezetimibe + simvastatina

M05BA     Bifosfonati
Acido alendronico sale sodico    
Acido etidronico sale disodico idrato    
Acido risedronico sale sodico    
Acido ibandronico    
Sodio neridronato    
Acido clodronico sale disodico    

N06AB     Inibitori selettivi della serotonina-ricaptazione
Sertralina    
Citalopram    
Fluoxetina    
Paroxetina    
Fluvoxamina    
Escitalopram  
 
L’indicazione della valorizzazione della prescrizione avverrà apponendo un codice sulla ricetta che identifica la situazione clinico farmacologica del singolo paziente e che permette la prescrizione del farmaco di cui vige ancora la copertura brevettuale, analogamente a quanto già adottato con la Delibera di Giunta Regionale del 27 febbraio 2007, n.124 e dalla Determinazione dirigenziale del 16 aprile 2007, n.1371. Nello specifico, il medico prescrittore apporrà i codici alfabetici indicati nella tabella B sottostante per evidenziare particolari situazioni clinico farmacologiche; tali codici andranno riportati, allineandoli a sinistra, nello spazio presente sulla ricetta e ad uso delle regioni, formato da otto caselle situato al disotto del campo per il codice fiscale.

tabella B
Codice: Descrizione per la prescrizione di farmaci appartenenti ad una Specifica categoria terapeutica omogenea

B: Documentata intolleranza ai farmaci di cui è scaduta la copertura brevettuale appartenenti alla stessa categoria terapeutica omogenea.

C: Documentata allergia e /o interazioni con terapie concomitanti ai farmaci di cui è scaduta la copertura brevettuale appartenenti alla stessa categoria terapeutica omogenea.

D: Documentata non risposta /inefficacia ai farmaci di cui è scaduta la copertura brevettuale appartenenti alla stessa categoria terapeutica omogenea.

E: Particolari esigenze terapeutiche per pazienti a rischio.

F: Pazienti in prosecuzione di terapia, in particolare ospedale-territorio.


A titolo d’esempio:


2    La modalità di prescrizione riportata nel punto precedente con l’utilizzo del “Codice di valorizzazione” dell’atto medico non si applica nel caso in cui il medico prescrittore utilizzi farmaci di cui è scaduta la copertura brevettuale indicati nella determinazione dirigenziale vigente di recepimento delle liste dei medicinali non coperti da brevetto dell’Agenzia Italiana del Farmaco.

3    Nel caso in cui il medico prescriva farmaci senza annotare il “Codice di valorizzazione” è soggetto a monitoraggio specifico, da parte delle Commissioni Distrettuali per l’Appropriatezza Prescrittiva -CAPD” territorialmente competente , che sono attive presso ciascuna Azienda USL a livello distrettuale, per una valutazione di spesa nonché di appropriatezza clinico farmacologica.
I Direttori Generali delle Aziende USL, ove insistono le Commissioni distrettuali per l’appropriatezza prescrittiva, sono i responsabili dell’attività delle Commissioni distrettuali affinché le stesse si attivino ed effettuino le verifiche ed i controlli degli obiettivi fissati con la presente Deliberazione anche attraverso l’uso dei dati provenienti dal Ministero dell’Economia e delle Finanze in attuazione del disposto normativo dell’art. 50 L.326/03. I Direttori Generali hanno il compito, entro 15 giorni dalla data di entrata in vigore del presente provvedimento, di fare riunire le Commissioni distrettuali per l’appropriatezza prescrittivi e di dare alle stesse ampio sostegno, al fine di dare piena applicazione a quanto indicato nel presente provvedimento, per definire le modalità operative da seguire per una corretta e puntuale valutazione delle prescrizioni mediche recanti i farmaci indicati nella tabella A di cui al punto 1 e dell’uso del “codice di valorizzazione” come previsto dalla tabella B. Sarà competenza di ogni singola Commissione CAPD, poter chiedere chiarimenti e precisazioni ai medici prescrittori che hanno prescritto medicinali di cui alla tabella A del punto 1 senza indicare i codici di valorizzazione. Le Commissioni CAPD, che dovranno riunirsi almeno una volta al mese, avranno l’obbligo di inviare relazione scritta sull’attività svolta in merito all’attività di monitoraggio sull’Appropriatezza prescrittiva evidenziandone le eventuali criticità direttamente alla Direzione Regionale Programmazione Sanitaria e Politiche della Prevenzione Sicurezza sul lavoro.

4    Con successivo provvedimento Dirigenziale, emanato da parte della Direzione Regionale Programmazione Sanitaria Politiche Prevenzione Sicurezza Lavoro, verranno dettagliate procedure, modalità operative e i necessari supporti tecnici per consentire un corretto processo valutativo basato sull’acquisizione dei dati e una omogeneità di comportamento delle Commissioni distrettuali-CAPD su tutto il territorio regionale.
[nella precedente delibera erano citati esplicitamente gli "elenchi dei farmaci con le singole confezioni attualmente in commercio dei farmaci branded e off-branded che fanno parte delle categorie terapeutiche omogenee indicate nella tabella di cui al punto 1"]

5.    A partire dal 1° aprile per i farmaci afferenti alle categorie atc C09CA, C09DA, M01AH, R03BB, M05BX verrà effettuato il monitoraggio per i consumi e per la spesa al fine di verificare anomalie o aumenti ingiustificati e consentire alla Regione di adottare adeguati provvedimenti correttivi ivi compresi quelli che limitano la prescrizione ad una sola confezione per ogni ricetta.

La presente deliberazione entrerà in vigore dalla data della sua pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Lazio e ne sarà data comunicazione preventiva tramite pubblicazione sul sito internet della Regione Lazio all’indirizzo www.regione.lazio .it nel link dedicato alla sanità tra le “ultime notizie”.
[pubblicato sul BUR Lazio il 7-5-08]

farfog