testo
      Corte di Cassazione
Sez. 3, Sentenza n. 24765 del 07/10/2008
Presidente: Varrone M.  Estensore: Mazza F.  Relatore: Mazza F.  P.M. Scardaccione EV. (Diff.)
Plan Fer Srl (Consiglio ed altro) contro Forgione (Sperati)
(Sentenza impugnata: App. Brescia, 22 novembre 2004)

TRASPORTI - CONTRATTO DI TRASPORTO (DIRITTO CIVILE) - DI COSE - RESPONSABILITÀ DEL VETTORE - AVARIE E PERDITE - Colpa grave del vettore nella consegna delle merci - Conseguenze - Limitazione di responsabilità ex art. 29 della Convenzione di Ginevra per il trasporto internazionale su strada CMR - Applicabilità - Esclusione.

TRASPORTI - CONTRATTO DI TRASPORTO (DIRITTO CIVILE) - INTERNAZIONALE - Colpa grave del vettore nella consegna delle merci - Conseguenze - Limitazione di responsabilità ex art. 29 della Convenzione di Ginevra per il trasporto internazionale su strada C.M.R. - Applicabilità - Esclusione.

  Legge 06/12/1960 num. 1621  (C.M.R.)
  Cod. Civ. art. 1692 
  Cod. Civ. art. 1696 

Nel trasporto di cose incorre in colpa grave il vettore il quale consegni la merce a persona non qualificatasi, non legittimata dal destinatario alla ricezione, ed all'interno di locali non sicuramente riconducibili al destinatario stesso. In tale ipotesi, pertanto, ove la merce non pervenga effettivamente al legittimo destinatario, non trova applicazione la speciale limitazione di responsabilità prevista per il trasporto internazionale di merci su strada dall'art. 29 della Convenzione di Ginevra del 12 maggio 1956 (resa esecutiva con legge 6 dicembre 1960 n. 1621), secondo il quale il vettore è illimitatamente responsabile se la legge dello Stato del giudice adito equipara "quoad effectum" la colpa grave al dolo.


Motore di ricerca:


Studio legale Fogliani            Studio legale De Marzi