testo
    Corte di Cassazione
 Sez. 2, Sentenza n. 28236 del 26/11/2008
Presidente: Vella A.  Estensore: Piccialli L.  Relatore: Piccialli L.  P.M. Leccisi G. (Parz. diff.)
Provincia Venezia (Chinaglia ed altro) contro Rapposelli (Lotti)
(Sentenza impugnata: Trib. Venezia, 08 giugno 2004)

SANZIONI AMMINISTRATIVE - IN GENERE - Disciplina dei registri di carico e scarico dei rifiuti - Art. 52 d.lgs n. 22 del 1997 - Duplicità degli illeciti - Omissione dell'annotazione - Adempimento dell'obbligo con modalità diverse dall'annotazione - Possibilità - Esclusione - Fattispecie.

  Decreto Legisl. 05/02/1997 num. 22 art. 12 
  Decreto Legisl. 05/02/1997 num. 22 art. 52

In tema di sanzioni amministrative dettate nella disciplina dei rifiuti, l'art. 52, comma 2, del d.lgs n. 22 del 1997 contempla due distinti tipi di illecito, il primo dei quali si configura nei casi di mancata tenuta dei registri di carico e scarico dei rifiuti, mentre il secondo attiene alla violazione dell'obbligo di annotazione. Poichè la funzione dei registri è quella di consentire un controllo sulla natura e sulla qualità dei rifiuti prodotti, raccolti, trasportati o smaltiti, ai fini di adottare le dovute cautele nelle relative oparazioni, l'obbligo di annotazione non può essere adempiuto con modalità diverse da quelle della registrazione, il cui rigore formale è correlato alla sua necessità di esecuzione nei tempi prefissati dall'art. 12 d.lgs, con riferimento alle singole categorie di operatori. Ne consegue che il precetto da ultimo indicato non può ritenersi rispettato nei casi in cui la movimentazione dei rifiuti risulti da fonti diverse da quelle dei prescritti registri. (In applicazione del principio, la S.C. ha ritenuto fosse integrata la fattispecie di illecito in un caso in cui, a fronte della totale omissione dell'annotazione dei rifiuti speciali sui pur istituiti registri, la parte aveva dedotto di aver riportato i dati, in attesa di registrazione, i cui termini erano scaduti, su supporti cartacei ed informatici, informali e privi di alcuna rilevanza probatoria).


Motore di ricerca:


Studio legale Fogliani            Studio legale De Marzi