testo
  Sez. 3, Sentenza n. 187 del 11/01/1993
Presidente: Cecere C.  Estensore: Lo Piano M.  P.M. Leo A.
Lamacchia (Ruggi) contro Mercury Ass.ni Spa (Brunetti)
(Sentenza impugnata: App. Potenza, 27 settembre 1988).

ASSICURAZIONE - CONTRATTO DI ASSICURAZIONE - Disposizioni generali - Per conto altrui o per conto di chi spetta - Persona dell'assicurato - Individuazione - Criteri - Contratto di assicurazione stipulato dal vettore in favore del proprietario delle cose trasportate - Richiesta di risarcimento al vettore - Azione di quest'ultimo nei confronti dell'assicuratore senza il consenso dell'assicurato - Inammissibilità - Disciplina ex art. 1411, secondo comma, cod. civ. - Esclusione.

Cod. Civ. art. 1411 
Cod. Civ. art. 1891 

Nell'assicurazione per conto di chi spetta, che è diretta a garantire un bene determinato da qualsiasi danno che possa incidere sul suo valore economico, la persona dell'assicurato, avente diritto all'indennità in caso di danno, va individuata in colui che, al momento dell'evento dannoso, risulti proprietario della cosa (o titolare di un diritto reale limitato o di un diritto di garanzia su di essa costituito), mentre è da escludere, in mancanza di apposita pattuizione, che il vettore, lo spedizioniere o, in genere, chi ha una relazione di custodia con il bene, possa essere riconosciuto titolare di quell'interesse in conseguenza della responsabilità per la perdita o il deterioramento delle cose in custodia, che può trovare la sua copertura solo nell'altra forma di assicurazione sulla responsabilità civile; pertanto, nel caso in cui il contratto sia stato stipulato dal vettore in favore del proprietario delle cose trasportate, il primo, anche se l'assicurato non abbia profittato dell'assicurazione, avendo preferito richiedere il risarcimento del danno al vettore, non può agire contro l'assicuratore senza il consenso dell'assicurato, neppure invocando il principio del secondo comma dell'art. 1411 cod. civ. (che, in ipotesi di contratto a favore di terzi, stabilisce che la prestazione rimane a beneficio dello stipulante ove il terzo rifiuti di profittarne) perché, facendo salve tale norma di carattere generale le ipotesi in cui sia diversamente disposto dalle parti o dalla natura del contratto, l'art. 1891 cod. civ., espressamente esclude, per i contratti di assicurazione per conto di chi spetta, che i diritti derivanti dal contratto possano essere fatti valere dal contraente se non vi sia l'espresso consenso dell'assicurato.







Motore di ricerca:


Studio legale Fogliani            Studio legale De Marzi